cerca

Don Caburlotto, il prete educatore dell’Appio beato

Un grande parroco e un brillante educatore. Molti romani dell'Appio sono in partenza per giungere a Venezia, nella splendida cornice di piazza San Marco, per assistere sabato prossimo alla cerimonia...

Un grande parroco e un brillante educatore. Molti romani dell'Appio sono in partenza per giungere a Venezia, nella splendida cornice di piazza San Marco, per assistere sabato prossimo alla cerimonia di beatificazione di don Luigi Caburlotto, fondatore delle Figlie di San Giuseppe. In treno o con i pullman tanti saranno i fedeli che vorranno assistere ad un momento che molti aspettavano. In modo particolare le suore, gli studenti e i professori dell'istituto scolastico San Giuseppe del Caburlotto da sempre devoti al prossimo beato. Proprio nei pressi di uno dei loro istituti, il San Giuseppe del Caburlotto al IV Miglio Appio nel 2008 avviene il miracolo che nel 2014 ufficialmente approvato dal Tribunale Ecclesiastico. La signora Maria Grazia Veltraino, colpita da una malattia inguaribile che da anni la costringeva su una carrozzina, la notte tra l’11 e il 12 febbraio 2008 si alzò in piedi miracolosamente guarita.

La cerimonia di beatificazione, per la quale sono attese quattromila persone, avverrà alle 10.30 in piazza S. Marco. Il rito di beatificazione sarà presieduto dal cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle cause dei santi e delegato di Papa Francesco. Concelebrerà il Patriarca Francesco Moraglia insieme ad altri arcivescovi e vescovi del Triveneto e di varie parti del mondo. Dopo vari appuntamenti di preghiera domenica tutti insieme prenderanno parte all'Angelus di Papa Francesco in piazza San Pietro in Vaticano.

Don Luigi Caburlotto fu un grande parroco, appassionato predicatore che seppe farsi ascoltare e capire da tutti con il linguaggio semplice della fede e della carità. Un prete felice di esserlo che con l’intelligenza della fede, nel pieno dibattito politico tra liberali e cattolici, seppe capire e rispondere con modalità differenti e appropriate alle molte urgenze e sfide di carattere educativo che quell’ambiente e quel tempo gli ponevano in modo drammatico

Figlio di gondolieri, iniziò gli studi nell’istituto dei fratelli Cavanis e poi entrò nel Seminario patriarcale.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro