cerca

In un musical il messaggio universale di Wojtyla

«Non abbiate paura» sarà messo in scena alla vigilia della canonizzazione prima di un lungo tour

In un musical il messaggio universale di Wojtyla

C-_WEB

«"Non abbiate paura!" è un musical atipico e forse la chiave giusta per entrare "dentro" a ciò che rappresentiamo è quella socratica: entrate e ascoltate... sapendo di non sapere». Così viene presentato sul sito web lo spettacolo musicale dedicato a Giovanni Paolo II che sarà messo in scena nella nuova produzione il prossimo 21 aprile in anteprima mondiale presso l’Auditorium Conciliazione.

La rappresentazione sarà replicata fino al 24 aprile, alle 20, con ingresso libero fino a esaurimento posti. Un omaggio alla vigilia della canonizzazione del Papa polacco. Perché di questo si tratta: un omaggio, scritto da don Giuseppe Spedicato, nel 2007, a due anni dalla morte di Karol Wojtyl, nel paesino pugliese di Novoli, vicino a Lecce. Un testo nato come copione da mettere in scena con i giovani della parrocchia. Dopo le prime rappresentazioni presso il Teatro Politeama di Lecce e in altre città della Puglia, arriva il «grande salto».

In vista della beatificazione, don Giuseppe Spedicato affida la regia a Gianluca Ferrato, in collaborazione con Andrea Palotto. Il testo viene rielaborato e va in scena in anteprima nazionale al Teatro Italia a Roma.

Ora, con il patrocinio del Pontificio consiglio della Cultura, lo spettacolo che prende il titolo dalle celeberrime parole pronunciate da Giovanni Paolo II nell’omelia della Messa di intronizzazione conquista una ribalta ancora più prestigiosa.

«Uno spettacolo di musica e teatro tra storia, spiritualità e umanità» spiegano gli autori. Due ore di show con coreografie, testi ed effetti speciali per un mix capace di trasmettere il messaggio «universale di Pace, Speranza e Coraggio» dell’amato papa polacco. «Questo musical ripercorre la vita di Karol Wojtyla, dai primi anni (coperti dal pudore della intimità familiare) sino al giorno della morte, che vide il mondo intero puntare gli occhi su Roma, verso un uomo giunto sì "da un Paese lontano..." ma fattosi a tutti vicino» ha commentato monsignor Marcello Semeraro, vescovo di Albano e segretario del Consiglio dei Cardinali nominato da Papa Francesco.

Un evento musicale che però fa parte di un progetto ben più ampio. I promotori, infatti, oltre a lavorare per una rappresentazione privata in Vaticano (facile immaginare che potrebbero assistervi sia il Pontefice che il Papa emerito), a partire da maggio per un anno lo metteranno a disposizione delle diocesi di tutta Italia: 25 hanno già aderito alla richiesta di portare in scena il musical. In particolare a Milano è allo studio la presenza in occasione dell’Expò 2015.

Ma lo stesso progetto non ha confini, perché da giugno del prossimo anno ad agosto 2016 lo spettacolo sarà protagonista di un tour internazionale a disposizione delle Conferenze episcopali che ne facessero richiesta.

Il musical sarà tradotto in inglese ed è prevista un’ultima grande rappresentazione durante la Giornata mondiale della Gioventù a Cracovia.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro