Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccino, ecco la circolare di Speranza sulla terza dose dal primo dicembre: chi la deve fare e quando

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Via libera del ministro della Salute alla terza dose di vaccino per la fascia di età 40-59 anni. Il richiamo dovrà avvenire dopo sei mesi di distanza dal completamento del ciclo primario. A fornire le indicazioni sul booster vaccinale è una circolare firmata dal direttore generale della Prevenzione Gianni Rezza (nella foto), e sottoscritta anche da Nicola Magrini, Silvio Brusaferro e Franco Locatelli. 

 

Nel documento si motiva la scelta di avviare le terze dosi per la fascia dei 40-50enni ma si pone anche l'accento sull'urgenza di vaccinare chi ancora non l'ha fatto. Nella circolare infatti si sottolinea "l’assoluta priorità di mettere in massima protezione i soggetti ancora in attesa di iniziare/completare il ciclo vaccinale primario, in particolare per quanto riguarda le categorie più vulnerabili a forme gravi di Covid-19 per età o elevata fragilità". 

 

 La circolare di Speranza sulla dose booster

Il documento porta l'oggetto "Aggiornamento delle indicazioni sulla somministrazione di dosi 'booster' nell’ambito della campagna di vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19" e segue la nota congiunta di Ministero della Salute, CSS, AIFA e ISS, "ferma restando la priorità della vaccinazione dei soggetti ancora in attesa di iniziare/completare il ciclo vaccinale primario, nonché della somministrazione della dose 'booster' (di richiamo) alle categorie per le quali è già raccomandata". 

 

"A partire dal 1° dicembre 2021 sarà altresì possibile procedere con la somministrazione della dose 'booster', con vaccino a m-RNA, anche ai soggetti di età compresa tra i 40 e i 59 anni, nei dosaggi autorizzati per la stessa (30 mcg in 0,3 mL per Comirnaty di Pfizer/BioNTech; 50 mcg in 0,25 mL per Spikevax di Moderna), purché siano trascorsi almeno sei mesi dal completamento del ciclo primario di vaccinazione, indipendentemente dal vaccino precedentemente utilizzato", si legge nel documento. Insomma, la terza dose avverrà solo con Pfizer o Moderna anche se il ciclo vaccinale era stato eseguito con altri sieri. 

"In considerazione dell’aumentata circolazione del virus SARS-CoV-2, che ha determinato un incremento dell’incidenza di nuove infezioni, per come rilevato nel corso delle ultime settimane in tutto il territorio nazionale (...) nonché della possibilità di somministrare una dose di richiamo con vaccino a mRNA in favore delle categorie e secondo le modalità indicate (...) nell’ottica di un progressivo allargamento della platea vaccinale, partendo dalle fasce d’età a maggiore rischio,  è raccomandata, a partire dal 1° dicembre 2021, la somministrazione di una dose di vaccino a mRNA, come richiamo di un ciclo vaccinale primario, anche ai soggetti di età compresa fra 40 e 59 anni, nei dosaggi allo scopo autorizzati (...)  purché siano trascorsi almeno sei mesi dal completamento del ciclo primario" si legge nella circolare.

Dai blog