cerca

Con noi la restaurazione morale

Gian Piero Covelli, medico, figlio di Alfredo, l’ultimo segretario del Partito Democratico Italiano di Unità Monarchica e precursore del pensiero della destra liberale moderna, si candida alle...

Con noi la restaurazione morale

D_A_WEB

Gian Piero Covelli, medico, figlio di Alfredo, l’ultimo segretario del Partito Democratico Italiano di Unità Monarchica e precursore del pensiero della destra liberale moderna, si candida alle amministrative con Italia Reale, alias il partito monarchico di una volta declinato nella modernità. Una minoranza radicata nella Capitale che punta alla "Restaurazione morale”.

Come convincere a votare stella e corona?

«È un test sperimentale su Roma dopo la nostra Costituente, perché pensiamo che sia stata malgovernata e ci sentiamo un veicolo giusto come alternativa di sistema. Ci presentiamo con una lista autonoma, non abbiamo alcun riferimento dinastico. Cercheremo di convincere con battaglie concrete, spiegando che l’istituzione monarchica è quella che maggiormente salvaguardia l’identità della città».

Le linee guida del suo programma?

«Istituzione dell’assessorato agli esclusi: gli esodati dal lavoro, i nuovi poveri...Poi, la riapertura delle dimore storiche, che a Roma sono tante, in termini turistici, tramite la disincentivazione fiscale (la principessa Lavinia Massimo è nostra testimonial su questo). Ma anche progetti urbanistici, il pagamento per gli insediamenti rom (segnale di risparmio e ordine), snellimento dell’amministrazione comunale con consulenti interni, in termini di acquisizione di competenze nella struttura, abolizione di tutti i municipi e coordinamento con province o Regione sul territorio, il bonus bebè per incentivare le nascite».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro