cerca

lavoro

Turismo: arrivano da 157 paesi i viaggiatori che scelgono Italianway

Rimini, 10 ott. (Labitalia) - Grazie alla piattaforma software sviluppata internamente con un investimento di oltre due milioni e mezzo di euro e on line dal 1° gennaio scorso, Italianway, la startup proptech del settore turismo-hospitality che chiuderà il 2019 con un forecast di 15 milioni di turn over a un tasso di crescita del +30,6%, ha messo a punto un’analisi socio-demografica che traccia un identikit inedito dei viaggiatori che l’hanno scelta per soggiornare in Italia dal 1° gennaio al 30 settembre 2019.

L’azienda fondata da Davide Scarantino e guidata da Marco Celani, che ha lanciato nel gennaio scorso il primo franchising italiano del vacation rental portando il suo progetto di ospitalità diffusa in tutto il Paese (già 40 le destinazioni attivate) con oltre 700 immobili gestiti, è stata scelta nei primi 9 mesi del 2019 da oltre 35mila ospiti per un volume di 20mila prenotazioni (100 mila notti vendute), ed è su queste che si concentra l’analisi (a fronte di 80mila prenotazioni gestite e 153mila ospiti accolti da quando la startup nata a fine 2014 è diventata operativa, ovvero nella primavera 2015).

“Siamo orgogliosi - commenta l’ad Marco Celani - di poter dire che nel 2019 supereremo il traguardo delle 100.000 notti vendute nelle case da noi gestite. Un obiettivo reso possibile dalla nostra vision basata sulla capacità di conciliare il potere della tecnologia con l’autenticità dell’accoglienza, al fine di assicurare all’ospite un’esperienza di soggiorno straordinaria, minimizzando al tempo stesso e grazie all’automazione, molte delle fasi di attesa che il viaggiatore vive come tempo perso".

"Grazie alle continue implementazioni software - prosegue - siamo oggi in grado di conoscere accuratamente le caratteristiche e il grado di soddisfazione degli ospiti che ci scelgono. Elementi che rappresentano il driver di crescita del giro d’affari, anche quest’anno superiore al 30% rispetto al 2018, più del doppio rispetto alla crescita del settore extra-alberghiero nel suo complesso".

"Il fatto di avere avuto in 9 mesi 35.000 ospiti provenienti da ben 157 paesi - sottolinea - rappresenta la capacità della nostra piattaforma di intercettare viaggiatori affluent di ogni parte del mondo grazie a un approccio multicanale e alla selezione di un livello di prodotto che nel nostro progetto partner contribuirà a portare viaggiatori in tutte le destinazioni italiane attivate”.

Nell’ambito del Ttg Travel Experience 2019 in corso a Rimini, Italianway è stata anche scelta dall’Associazione Startup Turismo per presentare il proprio progetto di crescita nell’ambito dell’evento 'Best Performance Award. Le startup del travel da tenere d’occhio. Spiega Karin Venneri, Presidente Startup Turismo: “In linea con gli obiettivi dell'Associazione, è importante raccontare storie di successo delle nostre associate come Italianway che, peraltro, conferma il trend positivo del settore vacation rental che, negli ultimi anni, ha rappresentato il 70% delle nuove startup iscritte a Startup Turismo”.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro