cerca

Boston, spari dentro al Mit. Morto un agente. Caccia a un attentatore della maratona

Colpi di arma da fuoco all’interno del prestigioso Massachusetts Institute of Technology. Morto un agente. Un giovane ceceno, considerato uno degli attentatori della maratona, è morto in ospedale dopo una sparatoria: era imbottito di esplosivo. Caccia al fratello

Boston, spari dentro al Mit. Morto un agente. Caccia a un attentatore della maratona

In una Boston ancora sotto shock per l'attentato alla maratona, un altro episodio di sangue. Un uomo armato ha ucciso nella notte italiana un agente di polizia al Massachusetts Institute of Technology, il prestigioso Mit. Nel suo sito Internet, l’ateneo ha detto che la situazione è «estremamente pericolosa», ha chiesto agli studenti di non uscire dalle camere, mentre la polizia setacciava il campus. Dopo ore di caccia al killer, negli ultimi minuti, testimoni hanno riferito di uno scambio a fuoco ed esplosioni provenire da strade limitrofe all'università. Un giovane è stato arrestato a Watertown, a circa tre chilometri dal Campus. Uno scambio a fuoco ed esplosioni erano stati sentiti nelle strade vicine al prestigioso Massachusetts Institute of Technology, qualche ora dopo che un poliziotto era rimasto ucciso nel campus di Cambridge. Sul posto ci sono ora numerosi agenti. Intanto, il sito online del Mit consiglia agli studenti di restare all'interno delle stanze perché la polizia non ha ancora stabilito che il campus è sicuro. Poco dopo, caccia agli attentatori della  maratona. Al termine di una sparatoria un uomo è morto poco dopo in ospedale. Il giovane era imbottito di esploviso. La polizia ha messo praticamente sotto assedio l'intera zona intorno a Watertown, compresi i sobborghi di Newton, Waltham, Belmont, Cambridge, Allston-Brighton: è a caccia al complice. La popolazione deve rimanere a casa, i negozi sono chiusi e le strade bloccata in entrata ed in uscita. Intanto nella zona si continua a rafforzare la presenza delle forze dell'ordine, ed alcune fonti riportano che sono arrivate anche squadre di Swat, le teste di cuoio. Mentre la Mtba, la Massachussets Bay Autorithy Trasportation, che serve l'aerea intorno a Boston con 1,3 milioni di viaggiatori al giorno, ha bloccato i servizi per tutto il giorno. Riguardo poi al sospetto ucciso imbottito di esplosivo, i medici dell'ospedale dove l'uomo è stato dichiarato morto avevano detto che era stato ucciso non solo da colpi di arma da fuoco ma anche esplosioni. Intanto il presidente Usa, Barack Obama, è stato informato nel corso della notte da un consigliere dell'anti-terrorismo sugli sviluppi dell'inchiesta a Boston sull'attentato di lunedì e sulla gigantesca caccia all'uomo che va avanti da ore. Lo ha reso noto la Casa Bianca. Erano arrivati "da una regione russa vicino alla Cecenia ed erano in Usa da un anno" i due giovani, che sarebbero due fratelli di 19 e 26 anni, sospettati di essere all'origine dell'attentato dalla maratona di Boston. Si chiamava Tamerlan Tsarnaev il ceceno rimasto ucciso. Il fratello minore, Dzhokhar A. Tsarnaev, è l'oggetto di una imponente caccia all'uomo nei dintorni della città del Massachusetts. I due avevano regolare permesso di soggiorno in Usa.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro