Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Un po' di Spagna in tavola con la paella de marisco

Rosa De Caro
Rosa De Caro

Sono una desperate house wife - mum classe 75. Amo creare e sperimentare in cucina sulla scia di quello che sento dentro. Il mio obiettivo? Stupire i miei ospiti e la mia famiglia. Amo viaggiare nel mondo alla scoperta di culture e tradizioni tipiche. Le mie passioni: la buona cucina, la musica, la moda e tutta l'arte Dimenticavo… sono soprattutto una buona forchetta, amo curiosare e rubare con gli occhi come dicono i grandi maestri! La lettura è uno dei miei hobbies, ma quasi sempre in riva al mare, sorseggiando il mio mohito!

Vai al blog
  • a
  • a
  • a

Viaggiamo insieme, con l'immaginazione, verso la penisola iberica ovvero in direzione dell'estremo sud occidentale dell'Europa. Superiamo le altissime cime dei Pirenei per arrivare in Spagna, dove la cucina è tipicamente mediterranea ed è il risultato di numerose influenze culturali. Tra gli ingredienti della cucina spagnola il riso è tra quelli di maggior consumo assieme al pesce e frutti di mare ed il piatto di maggiore fama internazionale è la paella. In catalano vuol dire padella, riferendosi al recipiente nel quale si prepara. Ne esistono in tutta la Spagna diverse versioni e quella che vi presenterò oggi è una ricetta con frutti di mare, detta appunto paella de marisco. Mi è stata regalata una paellera in acciaio e per l'occasione sono pronta ad utilizzarla.

Verso sul fondo un filo di olio evo e lascio dorare un cipolla bianca tritata finemente e del peperoncino. Aggiungo la seppia tagliata a pezzi e lascio cuocere qualche minuto. E' la volta delle cozze e delle vongole che lascio sul fuoco fino a che si apriranno, rilasciando la loro acqua di cottura che terrò da parte filtrandola. A questo punto unisco le mazzancolle che saranno pronte solo quando cambieranno colore. A parte lesso le taccole tagliate a pezzi in acqua salata e mi occupo della preparazione del brodo di pesce utilizzando qualche testa di mazzancolle, il porro a rondelle, 1 spicchio di aglio, qualche ritaglio di seppia, vino bianco, pepe e prezzemolo. Una volta cotti i crostacei ed i molluschi li metto da parte, aggiungo il riso nella paellera formando un anello centrale e distribuendolo verso i bordi.

Verso le taccole in pezzi e le distribuisco con il cucchiaio di legno in maniera omogenea senza smuovere il riso, insieme alla maggior parte di vongole e cozze sgusciate con la loro acqua di cottura. Con un mestolo aggiungo il fumetto di pesce poco per volta perché il riso dovrà cuocersi per assorbimento senza essere mescolato. Insaporisco con lo zafferano e della paprika dolce e trascorso il tempo di cottura spengo la fiamma. Dispongo le mazzancolle e i molluschi con i gusci in maniera decorativa sul riso e prima di servire in tavola lascio riposare la paella dieci minuti. Riduco in piccoli quarti un limone da aggiungere sul riso a proprio gusto. Aroma, gusto e colore, in tavola tanto sapore!

Paella ai frutti di mare

Riso Arborio 4 tazze
12 mazzancolle
500 gr di cozze
500 gr di vongole
1 seppia
300 gr di taccole
1 cipolla bianca, 6 pistilli di zafferano, un cucchiaino di paprika, 1 peperoncino
Per il brodo di pesce: ritagli di seppia, 1 spicchio di aglio, mezzo bicchiere di vino bianco, 1 rametto di prezzemolo, pepe, qualche testa di mazzancolle, gambo del porro a rondelle.

Dai blog