cerca

verso il nuovo governo

Li avete voluti? Allora fateli provare

I presupposti di un governo giallo-verde non sono buoni. Soprattutto per l’impreparazione dei grillini

Li avete voluti? Allora fateli provare

Palazzo Chigi

Di un governo dei grillini penso tutto il male possibile. Non hanno alcuna idea di cosa sia governare, alcuna esperienza, alcuna storia, alcuna cultura, alcuna preparazione, non vengono da alcuna selezione, hanno vaghe idee che non so se definirle più irrealizzabili o più dannose, hanno avuto finora un potenziale distruttivo, sfascista, senza nessuna capacità costruttiva e costituente. E le prove dei loro sindaci, a cominciare da Roma, lo confermano. Credono ora che basti il Programma, gli uomini e la realtà non contano, basta scaricare l’App, accettare il Contratto e la Macchina funziona.

Di un governo coi grillini sono diffidente ma non ci sono precedenti. Sarà pure vero che la Lega è il partito avvertito come meno lontano, e ha ragione Luigi Bisignani a dire che lui quell'alleanza l'ha paventata da tempo. Io non ci credevo. Reputo i due populismi diversi, se non opposti su alcuni temi, uniti solo nella pars destruens, contro i poteri vigenti. I rischi sono alti sia che alcune velleità prendano corpo in modo devastante, sia che i due populismi divergenti siano a somma zero e non producano niente. E continuo a non capire perché alla fine Salvini abbia accettato, seppur con una separazione consensuale e forse temporanea, di andare da solo con loro. Forse hanno pattuito un governo fifty-fifty, cioè a parità di condizioni, programmi e ministeri, e non da socio di minoranza. Forse pensa di poter egemonizzare una compagnia di dilettanti sciamannati e senza idee chiare. Temo invece che questa alleanza possa bruciarlo. Avevo tentato in extremis di suggerire un'intesa pre-politica per un governo a tempo tra centro-destra intero e grillini, con personalità indicate da ambo i vincitori delle urne, in modo da gestire il passaggio, rispettare le scadenze (def, iva, ecc.) e delineare una nuova legge elettorale. Ma senza compromettersi con un'alleanza politica.

E invece l'intesa avanza, tra la reazione isterica del Pd che grida contro quell'alleanza che fino a ieri rimproverava di non fare e la saggia, astuta decisione di Berlusconi di benedire il governo nascente senza votarlo. Cioè di condizionarlo in partenza, in modo da attutire asprezze e minacce, di frenare alcune scelte e alcuni nomi di ministri, salvo sfilarsi appena le cose non si metteranno bene. E intanto scongiurare le urne. A questo punto, lo stesso realismo che portava ad avversare l'ipotesi di un governo coi grillini, porta oggi a sforzarci di vedere la realtà verso cui stiamo andando. La prima reazione è stata di affidarsi alla Provvidenza; un'invo- cazione del tipo, che la Madonna li accompagni, che Dio salvi la Regina, intesa come Italia.

Ma si è insinuato sotto le vesti adulte del realismo, un folletto, quel fan- ciullino che cova dentro. È venuto fuori nel vedere il miracolo dello sta- to nascente, cioè nell'assistere a qual- cosa che non c'era, l'assenza assoluta di precedenti, il fervore degli inizi, a volte il candore di chi si adopera perché nasca qualcosa. Ma questo folletto ha fatto capolino appena ha sentito la scomunica pregiudiziale di Mattarella verso il “sovranismo”. Se davvero l'alleanza tra grillini e 5stelle ha quel tratto fondante, un presidente arbitro e garante, al di sopra delle parti, deve rispettarlo e tacere. Perché il primato della sovranità popolare e degli interessi nazionali non ha nulla di eversivo, è scritto pure nella Costituzione. E assumere questa posizione significa ridursi a fare il Presidente del Pd e non della repubblica, l'ideologo e l'imam dei perdenti e non l'arbitro e il garante di tutti. Una scorrettezza grave. Ma non basta. A sentire la Voce del Palazzaccio, cioè quella specie di Opinione di Regime che si ricava dalla somma di boatos, opinioni espresse dai sacerdoti dell'establishment, giornaloni, ecc. , alla fine il vero pericolo per loro non sono i grillini ma la Lega. Perché ciò che loro temono è il sovranismo, la stretta sull'immigrazione e la bioetica, la politica estera filo-putin e non più servo-atlantista, il movimento identitario. Vale a dire l'essenza della Lega. Del reddito di cittadinanza o di altre amene utopie se ne parla poco, e solo in chiave di difficile realizzazione. Quegli altri temi, invece, si con- dannano a priori, senza scampo.

Ecco, lì il fanciullino mi lascia la mano e ti vien quasi voglia di lasciarlo correre. Mi ricompongo e dico: non cediamo all'impulso di sostenere un esperimento che quasi certamente non andrà a buon fine, perché parte dai presupposti che dicevamo agli inizi. Però quando senti il Palazzaccio reagire non alle sciocchezze ma alle cose serie, quando invoca il ritorno al plumbeo canone contro il quale gli italiani si sono ribellati, e quando li vedi che si attrezzano per annacquare, condizionare o infine demonizzare, ti viene spontaneo concludere: noi non volevamo, ma a questo punto fateli provare. Come alla corrida, gli applausi e le pernacchie facciamoli partire dopo l'avvio. Siamo il primo paese europeo che sperimenta due populismi al governo. Ma fummo i primi che con Berlusconi sperimentammo l'alleanza al governo tra populisti e popolari, tra “moderati” e “radicali”, tra destra e centro, tra secessionisti e nazionalisti. Non fu un gran che, ma non fu nemmeno un disastro. Io non volevo, ma ora fateli provare. Che la Madonna ci accompagni.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie

Opinioni