cerca

terrore in germania

Sparatoria ad Halle, sangue e morti davanti alla Sinagoga

Spari esplosi anche a 15 chilometri circa di distanza, a Landsberg

Sparatoria ad Halle, sangue e morti davanti alla Sinagoga

Due sparatorie a 15 chilometri di distanza. La Germania è sotto choc per il doppio attentato: almeno due persone sono morte nell'assalto armato avvenuto davanti a una sinagoga e un cimitero ebraico nella città tedesca centrale di Halle. Subito dopo una persona, che aveva tentato la fuga, è stata arrestata ma secondo la polizia non sarebbe coinvolto un solo attentatore. Oggi è "Yom Kippur", Giorno dell'espiazione, ricorrenza più sacra del calendario religioso ebraico. 

Dopo la notizia di Halle una portavoce della polizia citata dalla Bild ha riferito di spari esplosi anche a 15 chilometri circa di distanza, a Landsberg. "L'uomo in tenuta mimetica che oggi ha aperto il fuoco ad Halle avrebbe preso di mira un doner kebab" secondo quanto riferito da un testimone. "Un uomo è entrato nel locale, ha lanciato qualcosa come una bomba a mano, che non è esplosa ed ha aperto il fuoco con un fucile automatico, l’uomo dietro a me deve essere rimasto ucciso, io mi sono nascosto nel bagno", ha raccontato. Intanto a Dresda sono state rafforzate le misure di sicurezza attorno alla sinagoga e al cimitero ebraico.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro