cerca

L'IMPEACHMENT DEL PRESIDENTE USA

Diffusa la telefonata Trump-Zelensky. "Fammi un favore, indaga su Biden"

Il presidente Usa: "Nessuna pressione, è caccia alle streghe"

Donald Trump presidente Usa

Donald Trump presidente Usa

Donald Trump chiese al presidente ucraino Volodymyr Zelensky di riaprire l’indagine su Joe Biden e il figlio, Hunter.

Trump lo chiede in modo esplicito a un certo punto della telefonata diffusa dalla stessa Casa Bianca, in base alla trascrizione appena rilasciata dove non c'è traccia di minacce: "Vorrei che ci facessi un favore... Mi piacerebbe che scoprissi cosa è successo in questa situazione legata all’Ucraina, che chiamano Crowdstrike... mi piacerebbe che il procuratore generale chiamasse te o qualcuno dei tuoi e andare a fondo a questa vicenda". Zelensky risponde: "Ti dico personalmente che uno dei miei assistenti ha parlato con Giuliani recentemente e contiamo molto sul fatto che Giuliani possa venire in Ucraina in modo da incontrarci. Posso garantirti che hai solo amici attorno a noi riguardo l’indagine io garantisco come presidente dell’Ucraina che tutte le inchieste verranno condotte in modo aperto e chiaro. Quello te lo garantisco".

Per questa telefonata la speaker della Camera, Nancy Pelosi, ha annunciato l'avvio di un'indagine per un possibile impeachment di Donald Trump. "Il presidente degli Stati Uniti ha tradito il nostro Paese. Questa non è una dichiarazione politica, ma è la dura verità", commenta Hillary Clinton in un tweet pubblicato poco dopo la diffusione della trascrizione della telefonata avvenuta tra Donald Trump e il presidente ucraino Volodimir Zelenski.

"Bene - afferma il presidente Donald Trump nella telefonata con il suo omologo Volodymyr Zelensky, come emerge nella trascrizione - perché ho sentito che un procuratore molto bravo era stato allontanato e questo è davvero ingiusto. Giuliani è un uomo altamente rispettato, è stato il sindaco di New York, un grande sindaco, e vorrei che ti chiamasse. Ti chiedo di parlarci assieme al procuratore generale. Rudy (Giuliani, ndr) è molto informato su ciò che è successo ed è un ragazzo in gamba. Se potessi parlarci sarebbe grandioso. L’ex ambasciatrice degli Stati Uniti era sgradevole, e così la gente con cui aveva a che fare in Ucraina, volevo che lo sapessi. Un’altra cosa, si parla molto del figlio di Biden, che Biden fermò l’indagine e molte persone vogliono sapere quello, così tutto quello che puoi fare con il procuratore generale sarà grandioso. Biden è andato in giro a dire che aveva bloccato l’indagine, quindi se puoi darci un’occhiata. A me sembra orribile".

Zelensky: "Volevo parlarti del procuratore. Primo di tutto capisco e sono a conoscenza della situazione. Dopo che abbiamo conquistato la maggioranza assoluta in Parlamento, il prossimo procuratore generale sarà al cento per cento una persona mia, un mio candidato, che sarà votato dal Parlamento e comincerà a lavorare da settembre. Lui o lei si occuperanno della situazione, specialmente dell’azienda a cui hai fatto cenno... A proposito, ti chiedo se hai altre informazioni da fornirci, sarebbe molto utile per l’indagine. Sull’ambasciatrice concordo al cento per cento. Lei ammirava il mio predecessore, non avrebbe accettato me come nuovo presidente". Trump: "Ti faccio chiamare da Giuliani e farò in modo che lo faccia anche il procuratore generale Barr e andremo a fondo sulla vicenda. Ho sentito che il procuratore era stato trattato molto male. Dunque, buona fortuna per tutto Prevedo che la tua economia migliorerà sempre di più. È un grande Paese. Ho molti amici ucraini, persone incredibili".

Dopo che il testo della telefonata è stato diffuso, il presidente Trump ha commentato così: "Non c'è stata alcuna pressione, è una caccia alle streghe".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro