cerca

scandalo

Molestie sessuali, i dipendenti di Google scendono in piazza

La mobilitazione globale segue un'indagine del New York Times

Molestie sessuali, i dipendenti di Google scendono in piazza

I dipendenti di Google di tutto il mondo sono in protesta per come la compagnia affronta i casi di molestie sessuali. Questa protesta globale, soprannominata "Google Walkout", segue un'indagine del New York Times che ha dettagliato anni di mancata trasparenza riguardo ad accuse di molestie sessuali da parte di alcuni dirigenti.

I membri dello staff di Google di tutto il mondo sono usciti dai loro uffici alle 11:10 locali. Secondo i post sui social media, esigono dei cambiamenti nella società. "Stiamo protestando per sostenere coloro che sono stati molestati sul posto di lavoro, e per garantire che i perpetratori non siano ricompensati o protetti", ha detto Sam Dutton, uno degli sviluppatori promotori di Google, alla CNN a Londra. Il CEO di Google, Sundar Pichai, ha espresso il suo sostegno verso questi scioperi. "I dipendenti avranno il supporto di cui hanno bisogno se desiderano partecipare a queste proteste", ha detto Pichai in un comunicato alla CNN mercoledì. "I dipendenti hanno sollevato idee costruttive su come possiamo migliorare le nostre politiche e i nostri processi in futuro", ha affermato. "Stiamo prendendo tutti i loro feedback in modo che possiamo trasformare queste idee in azioni". Un portavoce di Google a Singapore ha detto che non è in grado di fornire dettagli su quante persone hanno preso parte alla protesta, ma gli organizzatori degli scioperi hanno dichiarato che si aspettavano più di 1.500 persone che prendessero parte a circa due dozzine di uffici di Google in tutto il mondo, secondo un rapporto del New York Times.

Questo movimento globale ha inondato i social negli Stati Uniti creando anche un l'hashtag #googlewalkout. La gestione di Google ha faticato ad affrontare il contraccolpo dell'inchiesta del New York Times. Gli alti dirigenti hanno sottolineato ai dipendenti che la società è "seriamente intenzionata a garantire un luogo di lavoro sicuro e inclusivo" in una e-mail inviata poco dopo l'inchiesta del Times pubblicata la scorsa settimana.

Ma il Times ha scoperto nuovi dettagli, tra cui un pacchetto di uscita da 90 milioni di dollari rilasciato ad Andy Rubin, il creatore di Android, quando ha lasciato la società per accuse di questo genere. Il Times ha riferito che Rubin è stato accusato di aver costretto una donna a fare sesso orale in una camera d'albergo nel 2013. Sam Singer, un avvocato di Rubin, ha contestato le accuse nel rapporto del Times dichiarando che "nessuna delle accuse formulate sul signor Rubin è vera", alla CNN Business in una dichiarazione. All'inizio di questa settimana, Richard DeVaul, direttore di Google X, si è dimesso dalla sua posizione. Il rapporto del Times affermava che aveva molestato sessualmente un candidato di lavoro. DeVaul se ne sta andando senza alcun pacchetto di uscita, secondo una persona che ha familiarità con la questione. In una dichiarazione al Times, DeVaul ha detto di essere dispiaciuto per "l'errore di giudizio".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro