cerca

inizia la gara

Azzurri a caccia di gloria

Presentata la Nazionale. Il ct: «Obiettivo vincere Coppa e Gran Premio»

Azzurri a caccia di gloria

Gli azzurri con il presidente FISE Marco di Paola, il CT Duccio Bartalucci e il direttore sportivo Francesco Girardi

A un anno dalla storica vittoria dell’Italia a Piazza di Siena, il concorso ippico di Villa Borghese torna a sognare, questa volta un bis. “Montate bene come sapete e vincete”, il monito del CT Duccio Bartalucci in occasione dell’incontro avvenuto ieri a bordo campo con gli azzurri convocati, diciotto in tutto. Il quintetto selezionato per la Nations Cup dell’86° CSIO di Roma è composto da Bruno Chimirri con Tower Mouche, Luca Marziani con Tokyo du Soleil, Emanuele Gaudiano con Caspar, Giulia Martinengo Marquet con Verdine SZ e Paolo Paini con Ottava Meraviglia di Ca’ San Giorgio.

Tra questi Bartalucci identificherà, oggi, i quattro che difenderanno i colori azzurri nella Coppa delle Nazioni Intesa Sanpaolo, programmata per venerdì. Nove le squadre in sfida: Canada, Francia, Germania, Italia, Nuova Zelanda, Olanda, Stati Uniti d’America, Svezia e Svizzera.

Al di là di ogni umana e comprensibile scaramanzia, Bartalucci ammette che il team USA è davvero temibile. La spedizione americana è composta da Kent Farrington, Laura Kraut, Lauren Hough,  Beezie Madden e McLain Ward. Cinque atleti di grande affidabilità. “Non scherzano neanche la Svezia e la Svizzera - ha dichiarato Bartalucci - ma non sempre vincono quelli più forti sulla carta. Il nostro obiettivo è chiaro - ha precisato - ed è quello di replicare l’eccellente prestazione dell’anno scorso e vincere anche il Gran Premio”. La meta azzurra, nell’ovale di Villa Borghese, quindi, è di squadra e anche individuale. Sono ventitrè anni che l'Italia cerca di vincere il Gran Premio Roma. L'ultima vittoria azzurra, infatti, risale al 1994 e porta la firma di Arnaldo Bologni in sella a May Day.

Per questa sfida individuale, accanto ai cinque convocati per la Coppa, scenderanno in campo altri 13 atleti: i seniores Emilio Bicocchi, Piergiorgio Bucci, Michael Cristofoletti, Gianni Govoni, Massimo Grossato, Luca Maria Moneta, Paolo Paini, Carlo Rogiani, Alberto Zorzi e Paolo Adamo Zuvadelli; e gli Under 25 Luigi Polesello e Giampiero Garofalo e lo junior Giacomo Casadei. Quest’ultimo, con i suoi 16 anni non ancora compiuti, è il più giovane esordiente che lo CSIO di Roma abbia mai accolto in 86 edizioni.

Piazza di Siena, però, è anche la Sei Barriere, categoria che, per il quarto anno consecutivo, sostituisce la nota prova di Potenza e che nel suo Albo d’Oro segna come protagonista l’Italia nelle ultime tre edizioni, grazie alla vittoria di Filippo Maria Bologni (2017), Luca Maria Moneta (2016) e Emanuele Gaudiano (2015). La rappresentativa italiana viene così rafforzata da altri otto atleti, convocati ad hoc, per la Loro Piana Six Bars, in programma sabato 26 maggio. Si tratta di: Paolo Adorno, Filippo Marco Bologni, Andrea Caprara, Federico Ciriesi, Edoardo Fochi, Eugenio Grimaldi, Elisa Ottobre e Andrea Venturini.

Lo CSIO di Roma Master d’Inzeo è al via, con 178 cavalli e 75 atleti, tra amazzoni e cavalieri, pronti a scendere in campo nelle quattro le giornate di gara in programma nell’ovale di Piazza di Siena e nell’arena del Galoppatoio di Villa Borghese. Undici le categorie, per un totale di 835 mila euro di montepremi. In programma anche le gare nazionali dedicate alla primavera equestre e le categorie internazionali riservate ai giovani cavalli.

La FISE ha annunciato la partecipazione del Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella in occasione della Coppa delle Nazioni Intesa Sanpaolo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie

Opinioni