cerca

guerra del caffè

Ecco la startup cinese che mette in crisi Starbucks

Luckin Coffee sfida il colosso Usa nel Paese asiatico

Ecco la startup cinese che mette in crisi Starbucks

Dopo appena un anno di attività, Luckin Coffee sfida Starbucks in uno dei mercati di punta del caffè. Quest'anno sono stati aperti più di 1.700 punti vendita Luckin in tutta la Cina, e di prevede che saranno 2.000 entro la fine dell’anno. Questo include anche un negozio nella Città Proibita di Pechino, il sito culturale storico da cui Starbucks è stato bandito più di dieci anni fa.

Luckin attira i clienti con prezzi convenienti e l'uso della tecnologia, che sta costringendo Starbucks a tentare di stare al passo. La rapida ascesa di Luckin nella sfida contro la catena degli Stati Uniti dimostra come le start up cinesi siano sempre più competitive con i marchi occidentali.

Sia Starbucks che Luckin servono il caffè, ma le somiglianze finiscono qui. A differenza dei coffee shop di Starbucks, la maggior parte degli outlet di Luckin sono piccoli chioschi che prendono ordini online sia per la consegna che per il ritiro. Luckin ha posto la tecnologia al centro della sua attività fin dall'inizio. I suoi punti vendita non accettano contanti, ma i clienti possono pagare solo tramite l'app Luckin, che offre bonus fedeltà.

"È molto conveniente e fa risparmiare tempo", ha dichiarato Hans Wang, un ricercatore di 33 anni nella città orientale di Hangzhou, alla CNN. I clienti richiedono questo tipo di servizi in una Cina sempre più connessa. Ma fino a poco tempo fa, Starbucks non li offriva. "Starbucks aveva un punto debole", ha detto Jeffrey Towson, professore alla Peking University e esperto in affari in Cina, alla CNN. "Il fatto che non avessero la consegna è ridicolo e la loro app ha fatto schifo".

La Cina è il secondo mercato più grande di Starbucks dopo gli Stati Uniti. Con circa 3.000 negozi nel paese, è ancora più grande di Luckin. Starbucks prevede di raddoppiare quel numero entro la fine del 2022. Ma a giugno, la compagnia ha registrato un improvviso rallentamento della crescita in Cina. Uno dei fattori contribuenti a questo è la crescente competizione, come Luckin.

Suyu Meng, 25 anni, collaboratore in una startup tecnologica a Pechino, ha detto che è combattuta tra i due marchi. È attratta dai prezzi più bassi di Luckin, ma apprezza anche l'esperienza migliore di Starbucks, dove può incontrarsi con gli amici.

Per avere successo, Luckin non deve necessariamente cercare di superare Starbucks come migliore marca di caffè in Cina. Gli analisti dicono che il mercato è abbastanza grande per entrambi.

Per ora, Luckin sta perdendo denaro mentre cerca di crescere, una situazione comune per le giovani start-up. "Non abbiamo fissato una data per il profitto", ha detto il portavoce Du Yang alla CNN. A dicembre, la società ha raccolto 200 milioni di dollari di nuovi finanziamenti da parte degli investitori, assegnandole una valutazione di oltre 2 miliardi di dollari, secondo Du.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro