cerca

Grand Tour di Sicilia

La Sicilia sui sette colli

La Sicilia sui sette colli

Sergio Mattarella

Sergio Mattarella ha fatto il Grand Tour di Sicilia. E buon per lui che non ha avuto bisogno di andarci davvero. Il Capo dello Stato – siciliano – se n’è tornato a casa senza gettare denari.


Gli è bastato vederla vivida e gloriosa in un comodo tragitto: tra Palazzo Sciarra e Palazzo Cipolla, a Roma, accompagnandosi a un altro siciliano, il regale Emmanuele Emanuele che in quei due palazzi – da presidente delle Fondazioni Roma e Terzo Pilastro – ha realizzato “Sicilia, il Grand Tour”. Una mostra (fino al 22 luglio) con 400 acquarelli di Fabrice Moireau, note di Lorenzo Matassa, in un viaggio che – a farlo davvero – è però un miraggio. Costa meno andare a Honolulu che a Canicattì. A differenza della Sardegna, la Sicilia non beneficia di agevolazioni, anzi: sempre e solo maggiorazioni. Specialmente con l’estate in arrivo. Questa metafora del Grand Tour cade, dunque, a proposito.


Ai tempi di Goethe funzionava – era il romanzo di formazione del mondo, la Sicilia – e si arrivava da dappertutto per il Grand Tour, perché non c’erano le compagnie aeree con le loro tariffe da cravattari. E, soprattutto, non c’erano i politici siciliani, bravi solo a piegare le corna e a metterle sotto “le ali” (altrui).

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie

Opinioni