cerca

il delitto del vice brigadiere

Cerciello Rega, chiesto il processo per gli americani

Chiuse le indagini sull'omicidio del carabiniere accoltellato nel quartiere Prati. Le accuse sono di concorso in omicidio volontario, lesioni, tentata estorsione e resistenza a pubblico ufficiale

La versione di Elder: temevo di essere aggredito

Chiusa l'inchiesta sul brutale assassinio del vice brigadiere Mario Cerciello Rega, morto dissanguato dopo 11 coltellate nel quartiere Prati mentre era in servizio con il suo collega Andrea Varriale. La procura di Roma ha chiesto il giudizio immediato cautelare per i due ragazzi statunitensi finiti in carcere il 26 agosto scorso, Gabriel Natale Hjort e Finnegan Lee Elder. Salteranno l'udienza preliminare, andando direttamente a processo, con le accuse di concorso in omicidio volontario, lesioni, tentata estorsione e resistenza a pubblico ufficiale.

Resta ancora aperto invece il filone connesso alla diffusione e alla pubblicazione della foto di Natale bendato, subito dopo il fermo, all'interno della caserma dei carabinieri di via In Selci.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro