Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nube tossica da Pomezia a Roma: tavolo tecnico Asl-Arpa per amianto e diossina

Davide Di Santo
  • a
  • a
  • a

Continuano le operazioni di bonifica nello stabilimento della "Eco X" sulla Pontina. Un incubo iniziato venerdì mattina a Pomezia, vicino Roma, con le fiamme nel deposito di rifiuti speciali e industriali e che ancora tiene in apprensione i cittadini del litorale e dei quartieri meridionali di Roma per la nube tossica carica di diossine e, si teme, amianto.  [email protected] @Comune_Pomezia @RegioneLazio @ARPALazio (8mag-8:00) #Pomezia, #vigilidelfuoco impegnati nell'operazione di bonifica dell'incendio pic.twitter.com/5aROICg5iL— Vigili del Fuoco (@emergenzavvf) 8 maggio 2017 Lo spettro dell'amianto continua a terrorizzare anche la Capitale. Sia a Pomezia che nella vicina Ardea è stato vietato il pascolo e la coltivazione. E proprio per discutere dell'allarme nube tossica il primo cittadino Fabio Fucci ha convocato un tavolo con Asl e Arpa e chiamato anche sindaco di Roma Virginia Raggi. "La Asl Rm 6 ha confermato la presenza di amianto incapsulato sul tetto dello stabilimento. Per questo motivo ritengo necessario approfondire con loro la natura delle notizie, l'entità del fenomeno e gli eventuali provvedimenti da porre in essere nelle prossime ore a tutela della salute pubblica" ha dichiarato Fucci. Le scuole di Pomezia resteranno chiuse fino a domani "per consentire una pulizia straordinaria e un lavaggio delle polveri che si sono depositate in questi giorni. Questo al fine di consentire un rientro a scuola su basi di sicurezza più elevate". Inoltre, il primo cittadino ha firmato un'ordinanza che vieta la raccolta e la vendita di frutta e verdura nel raggio di 5 km dal punto dell'incendio e in ogni caso si raccomanda di lavarle bene prima del consumo. Il sindaco di Pomezia che in un'intervista a Il Tempo ipotizza l'incendio doloso ha annunciato l'intenzione di costituirsi parte civile in un eventuale processo, mentre diverse associazioni e gruppi di cittadini del territorio si stanno unendo per presentare denunce di risarcimento danni, pensando anche a una class action. Raggi: monitoraggio continuo "Sul rogo all'Eco-X di Pomezia stiamo cercando di effettuare i controlli di nostra competenza, faremo al nostra parte. Incidenti come questi che hanno anche un impatto sulla salute pubblica sono intollerabili" ha dichiarato la sindaca di Roma e della Città Metropolitana Raggi poco dopo aver incontrato Fucci a Pomezia. "A Roma la situazione in teoria non è stata ancora rilevata, le prime rilevazioni nel giorno dell'incendio sono di assoluta normalità delle polveri ma abbiamo chiesto chiarimenti su quelli che sono inquinanti molto più pericolosi, amianto e diossine, e su questo Arpa e Asl devono ancora effettuare tutte le indagini" 

Dai blog