cerca

IL VIGNETTISTA FA FESTA

Caso Gregoretti, Vauro senza ritegno: "Salvini a processo... champagne!"

Vauro Senesi

Vauro Senesi

Vauro Senesi non ha mai avuto simpatico Matteo Salvini. Non è certo un mistero. Così ha deciso di festeggiare l'ok del Senato all'autorizzazione a procedere nei confronti del leader della Lega ed ex ministro dell'Interno. "Il via libera del Senato al processo a Matteo Salvini, accusato di sequestro di persona aggravato mi fa esclamare di sollievo: finalmente questi immigrati invasori sono riconosciuti come persone. Non stappo bottiglie di champagne se non che per questo riconoscimento, un grande passo avanti. Sul merito poi dovrà decidere la magistratura", ha commentato il vignettista all'Adnkronos.

Inoltre, in merito all’intervento della senatrice leghista Giulia Bongiorno in Aula, Vauro afferma: "Non sono fra quelli che pensano che sarà la via giudiziaria a sconfiggere il vuoto della politica. Penso però che purtroppo il salvinismo in Italia è diventato senso comune, che la Bongiorno stia contribuendo al fatto che ci sia e che per annientarlo ci vuole una ripresa culturale di coscienza civile collettiva". Sul caso Gregoretti, invece, Vauro sfronda il campo: "Prendo per buono che l’Italia è a rischio invasione e che dunque essendo una penisola la difesa spetta alla Marina militare, verso cui nutro una grandissima stima. Mi sento orgoglioso come italiano degli uomini e delle donne che la compongono e delle tante vite che hanno salvato. Per questo il caso dei 131 migranti bloccati lo scorso luglio al largo di Augusta evidenzia un approccio governativo del tutto opinabile visto che Salvini ha frenato nella difesa dei confini chi li avrebbe dovuti difendere".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro