cerca

lo sbarco

Le Sardine si apparecchiano il partito

Mattia Santori , leader delle sardine, non smentisce l'ipotesi di fondare un partito: "O fondiamo un partito o presentiamo..."

Le Sardine si apparecchiano il partito

La politica è come i film di James Bond: mai dire mai. È così è arrivato anche il momento di interrogarsi sul partito delle sardine, nascerà oppure no? «In questo momento - ha detto Mattia Santori, uno dei leader delle sardine - colmiamo un vuoto di rappresentanza quindi i casi sono due: o fondiamo un partito o presentiamo le nostre istanze a chi politica già la fa. Che siano Pd, 5 Stelle o destra moderata. Arriveremo a quattro, cinque o sei punti su cui chiederemo alla politica di lavorare». Ed ha poi aggiunto: «Siamo partiti da un punto ben preciso che ha messo tutti d’accordo: il linguaggio politico, per chiarire che per affermare un’idea non devo per forza aggredire qualcuno, in maniera pacifica e concreta, arriveremo a capire in base a come sono composte le nostre piazze quali sono i temi sui cui è necessario lavorare».

Capiamo tutto ma risparmiateci almeno il partito delle sardine. Se nascesse diventeremmo l’unica nazione al mondo dove la sigla Psi non sarebbe l’acronimo di partito socialista bensì quello delle sardine. Ovviamente italiane.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro