cerca

regione

Rimborsopoli in Lombardia, condannati Bossi jr e Minetti

In 57 a processo per le spese pazze al Pirellone

Rimborsopoli in Lombardia, condannati Renzo Bossi e la Minetti

Il tribunale di Milano ha condannato a due anni e sei mesi per Renzo Bossi detto il "Trota", figlio di Umberto Bossi. E a un anno e 8 mesi per Nicole Minetti, l'ex igienista dentale di Silvio Berlusconi. I due ex consiglieri regionali - rispettivamente di Lega e Pdl, erano tra i 57 imputati al processo sulla cosiddetta "Rimborsopoli" al Pirellone, che coinvolge tutti ex consiglieri ed ex assessori in Regione Lombardia tranne uno.

In tutto sono state 52 le condanne inflitte dai giudici della decima sezione penale di Milano, presieduti da Gaetano La Rocca, e cinque gli imputati assolti o prescritti. La pena più pesante è stata quella inflitta all'ex capogruppo in Consiglio della Lega Stefano Galli, condannato a 4 anni e 8 mesi. Era accusato di peculato e truffa, secondo quanto ricostruito dal pm Paolo Filippini, avrebbe pagato con soldi pubblici il matrimonio della figlia Laura Verdiana e avrebbe fatto assumere dal Pirellone il genero, Corrado Paroli (condannato a 2 anno e 6 mesi) consulente, con uno stipendio di 196mila euro lordi per 19 mesi di lavoro. Tra gli imputati anche gli ex consiglieri Angelo Ciocca, ora eurodeputato Lega, che è stato condannato a 1 anno e 6 mesi con pena sospesa e non menzione nel casellario giudiziario.

Stessa pena anche per Stefano Maullu, che siede in parlamento a Bruxelles sui banchi di Fratelli d’Italia. Condannato a 2 anni e 2 mesi, invece, Alessandro Colucci, segretario della Camera per il gruppo Misto. Condannato a 1 anno e 8 mesi (con pena sospesa e non menzione nel casellario giudiziario) anche l’onorevole di Cinisello Balsamo ed ex consigliere della Lega, Jari Colla, a 1 anno e 8 mesi (con pena sospesa e non menzione nel casellario giudiziario).

Tra gli ex consiglieri regionali che sono finiti a processo c’era anche Massimo Buscemi, ex assessore della giunta Formigoni già toccato da altre vicende giudiziarie, che è stato condannato a 2 anni 2 mesi. Giulio Boscagli, già sindaco di Lecco e assessore in Regione nella giunta Formigoni è stato condannato a 2 anni e 7 mesi. Il suo ex collega di Giunta al Pirellone, Angelo Giammario, è stato condannato a 2 anni e 9 mesi, mentre l’ex assessore all’Ambiente Marcello Raimondi a 2 anni e 6 mesi. Anche l’ex assessore allo Sport di Regione Lombardia, Monica Rizzi, è stata condannata a 2 anni e 2 mesi. Cinque gli imputati che sono stati assolti o prescritti, tra cui l’ex presidente del Consiglio regionale Davide Boni.

Tra i condannati figura anche Fabrizio Cecchetti, ex consigliere regionale e attualmente deputato della Lega. Poi Paolo Valentini Puccitelli, ex capogruppo al Pirellone del Pdl, è stato condannato a 3 anni mentre l’ex capogruppo di Sel, Chiara Cremonesi, a 2 anni e 2 mesi. La pena inflitta all’ex fisioterapista del Milan, Giorgio Puricelli, eletto in Regione nel listino bloccato di Formigoni come Nicole Minetti è stata di 1 anno e 6 mesi, come anche per l’ex consigliera del Partito dei Pensionati Elisabetta Fattuzzo. Condannati pure gli ex assessori Giorgio Pozzi (a 1 anno e 6 mesi con pena sospesa) e Gianluca Rinaldin (a 2 anni e 9 mesi). Cinque gli imputati assolti dai giudici della decima sezione penale. Si tratta dell'ex presidente del Consiglio regionale Davide Boni (che si è visto dichiarare la prescrizione per un capo di imputazione), Romano Colozzi, Daniel Luca Ferrazzi, Carlo Maccari e Massimo Ponzoni.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro