cerca

Allarme al Viminale

Se la scheda elettorale è a favore del MoVimento 5 Stelle

Il fac-simile "suggerisce" il voto disgiunto (vietato). Si rischia una valanga di schede nulle ma non per i grillini

La scheda elettorale poco chiara è a favore del MoVimento 5 Stelle

Caro direttore, è allarme al Viminale: le schede elettorali per la consultazione del 4 marzo sono di difficile comprensione. L’allerta è scattata dopo che dei fac-simile sono stati appositamente utilizzati per sondare la chiarezza del testo lungo e stretto.

Molti, contrariamente alle modalità previste dalla legge, hanno votato un nome ma poi hanno scelto un partito che ne sostiene un altro, soprattutto relativamente alle coalizioni di centrodestra e sinistra dove compaiono più simboli di partiti e una serie di nomi di candidati. Il problema è stato posto al Ministro Minniti e stupisce che la Presidenza del Consiglio non sia ancora intervenuta, come in passato, con uno spot che spieghi la nullità del voto disgiunto. L’ipotesi sulla quale stanno lavorando gli esperti del Ministero dell’Interno, per evitare una valanga di schede nulle, è una informativa da mandare a tutti i Presidenti delle sezioni che così potranno seguire la stessa linea interpretativa sul posizionamento corretto delle croci tra simboli e candidati. Salvo ricorsi successivi, infatti, sono proprio i Presidenti dei seggi ad avere la parola definitiva.

A questa difficoltà si aggiunge il disorientamento che c’è nell’elettorato, con il rischio che una percentuale bassa di votanti, sotto il 60 per cento, favorisca partiti come il Movimento 5 Stelle, che per di più compare da solo nella scheda.

A differenza delle altre elezioni, queste sono anche caratterizzate dal voto «contro». A sinistra, per esempio, si registra un fenomeno nuovo tra gli iscritti al Pd: votare le liste di Bersani o della Bonino pur di danneggiare Renzi. Molti scelgono M5stelle per sfasciare il sistema, non perché si sentono grillini. Nel centrodestra sono iniziati già i posizionamenti del dopo Berlusconi con un asse pro Salvini, portato avanti da personaggi come Ghedini, Toti e Romani, e un altro più romano-Quirinal-centrico della coppia Tajani-Frattini. E il tentativo di raccogliere i cattolici attorno alla quarta gamba, in funzione anti Lega, è stato sabotato dalla distribuzione dei collegi sicuri, proprio dal gruppetto nordista. A tutti, Meloni compresa, va ricordato che se si tornerà, come probabile, a votare solo per la Camera, tra un anno assieme alle europee, il Cavaliere sarà sempre in campo. Grillo e Renzi in panchina.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • franco

    mansullo

    15:03, 24 Febbraio 2018

    La similitudine

    Il jobs act legge fatta da uomini come Renzi o Berlusconi vedono in tale legge la opportunità che gli uomini o che siano operai, o che siano giornalisti devono fare quello che a loro viene comandato dal padrone. Come si può affermare che le schede elettorali sono a favore dei 5Stelle, se la scheda frutto di questa legge elettorale, è stata studiata, dai due soci, per mettere da parte, proprio i 5Stelle.

    Rispondi

    Report

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie

Opinioni