cerca

lavoro

Learn Italy Usa, da 10 anni esporta la migliore italianità

Veccia, sede di corsi di alta formazione internazionale in comunicazione e business per il made in by Italy

New York, 11 feb. (Labitalia) - Learn Italy Usa, agenzia culturale e di promozione di New York, si appresta a spegnere 10 candeline. Infatti, dieci anni fa, il fondatore Massimo Veccia ha deciso di dare vita al proprio progetto di esportare la migliore italianità, partendo da lingua e cultura, negli Stati Uniti e in particolare a New York. "Nel corso degli anni - commenta Massimo Veccia - Learn Italy ha saputo reinventarsi sempre e aprirsi a nuovi progetti: non solo scuola di lingua italiana a New York, ma anche sede di corsi di alta formazione internazionale in comunicazione e business per il made in by Italy, fino ad arrivare a diventare un vero e proprio hub capace di mettere in connessione realtà dell'eccellenza italiana con partner americani in un clima di sempre maggiore espansione". Oggi, infatti, l'Agenzia conferma il proprio ruolo come punto di interesse non solo per le realtà che già fanno parte del network costituito in questi anni ma anche per nuove aziende e istituzioni che decidono di aprirsi all'internazionalizzazione verso gli Usa. Per celebrare il 10° anniversario, Learn Italy ha previsto tre eventi durante i quali saranno presenti membri delle istituzioni, a partire dal console generale Francesco Genuardi e da Silvana Mangione, vice-segretario generale Cgie, e giornalisti di fama internazionale, tra cui: Claudio Pagliara, Francesco Semprini, Valeria Robecco, Stefano Vaccara, Maria Luisa Rossi Hawkins.

Non mancheranno anche i rappresentanti delle istituzioni partner come Università per Stranieri di Perugia, Accademia di Belle Arti di Frosinone, Montclair State University. Saranno momenti non solo per celebrare i successi raggiunti ma, soprattutto, per rilanciare le attività in vista dei prossimi appuntamenti, tra cui: una conferenza nella sala stampa della Camera dei deputati a Roma e una iniziativa, a New York, nel mese di giugno 2020 a cui prenderanno parte sedi affiliate a Learn Italy, eccellenze del turismo culturale ed esperienziale sia americane che italiane e le massime istituzioni di rappresentanza. "Sono felice - afferma Loredana Rea, direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Frosinone - di essere a New York insieme a Learn Italy per celebrare il decennale di attività di questa Agenzia nostra partner non solo nella formazione linguistica ma anche nei percorsi di internazionalizzazione. Il nostro obiettivo, come Accademia di Belle Arti, è quello di aprirci sempre a nuovi mondi e orizzonti, come può essere quello delle comunità italoamericane e degli italofili, da sempre interessate ad approfondire la storia artistica del nostro Paese".

Il primo evento è previsto per oggi, con una cerimonia ufficiale nella sede del consolato generale d'Italia a New York che vedrà anche la consegna dei diplomi del corso di Learn Italy 'Made in by Italy-business and communication'. Le celebrazioni proseguiranno con un party in pieno stile newyorkese nel ristorante 'Etcetera Etcetera', il 13 febbraio, e si concluderanno con la presentazione del libro 'Il potere del cambiamento' alla presenza dell'autore, il performer coach di Torino Dario Silvestri che collabora con atleti e giocatori di calcio professionisti e tiene lezioni e workshop in tutta Italia. Tante le realtà che hanno deciso di sostenere l'Agenzia: Bindi North America, Urbani Truffle Lab Nyc, Row Hotel Nyc, Il mio viaggio a New York, Azeta Costruzioni. Tra i partner culturali, invece, oltre a Unistrapg e Accademia di Belle Arti di Frosinone, ci sono anche La Voce di New York, come media partner, e Rai Italia che ha patrocinato tutti gli eventi della settimana e sarà presente per interviste e riprese video.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro