cerca

Professioni: da consulenti lavoro approfondimento sui social network

Roma, 5 ago. (Labitalia) - La Fondazione Studi consulenti del lavoro esamina in profondità il limite tra deontologia e utilizzo dei social network, divenuti ormai parte integrante della vita quotidiana e professionale.

Con l’approfondimento del 5 agosto, la Fondazione si sofferma sulle novità del codice deontologico, che disciplinano le condotte sul web, e mettendo in luce i rischi connessi a un uso improprio degli strumenti digitali, la categoria ribadisce la volontà di garantire gli interessi generali connessi all’esercizio della professione, tutelare chi delega i professionisti a operare specifiche attività e, al tempo stesso, assicurare il decoro, la dignità professionale e il rispetto della legalità.

"Vi è una contraddizione in termini -scrivono gli esperti della Fondazione-nel chiedersi quale sia il limite tra deontologia e utilizzo dei social network. E questa discrasia risiede nella totale assenza di regole che al momento regna nell’uso di Internet, posta al cospetto dell’impianto deontologico che, al contrario, è il coacervo delle regole di comportamento obbligatorie per i professionisti. E l’esempio di come colmare questa tanto vistosa quanto clamorosa lacuna arriva proprio dal sistema ordinistico, che indica come sempre la strada da seguire".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro