cerca

STRATEGIA

Lazio, Inzaghi chiede aiuto ai nuovi

Acerbi e Badelj si sono inseriti, ora tocca a anche a Correa, Durmisi, Proto e Berisha

Lazio, Inzaghi chiede aiuto dai nuovi

Sei acquisti per rinforzare la Lazio e provare la scalata alla Champions. Lotito ha speso oltre 50 milioni ma finora dei nuovi solo Acerbi ha convinto pienamente critica e tifosi. Il sostituo di De Vrij ha preso in mano la difesa biancoceleste giocando interamente le prime tre partite ufficiali di una stagione che si annuncia molto lunga, soprattutto se, come si spera, la banda Inzaghi andrà avanti in Europa League. Qualche paragone esagerato con un grande del passato (Nesta), la sensazione diffusa che la fuga del traditore olandese sia meno dolorosa di quanto si potesse pensare: a giudicare dalle prove contro Napoli, Juve e Frosinone c’è da essere ottimisti.
E gli altri nuovi? Badelj ha messo insieme 100 minuti, ha dovuto giocare col Napoli nonostante una condizione fisica non ottimale per colpa della finale mondiale con la Croazia, poi gli ultimi secondi della sfida col Frosinone per mettere in ghiaccio la preziosa vittoria. Anche per la grande esperienza nel campionato italiano non ci sono dubbi sul suo contributo in un centrocampo che ha risorse inespresse. Come Valon Berisha, acquisto griffato dal diesse Tare che è ormai in rampo dilancio. Almeno si spera perché il kosovaro ancora non è tornato in gruppo ma spera di strappare una convocazione per la sfida contro l’Empoli alla ripresa del campionato. È fermo da fine luglio, la sua assenza ha pesato tanto in questo scorcio di stagione, ora Inzaghi si appresta a riabbracciarlo dopo averne caldeggiato l’arrivo.
Nemmeno un minuto per lui come per il portiere Proto che avrà il campito di far riafatare Strakosha che l’anno scorso è sceso sempre in campo. L’italo-belga è affiabile e potrebbe esordire contro l’Apollon se Inzaghi decidesse di dargli fiducia in Europa. Si tratta di un risorsa importante così come Durmisi arrivato per entrare in concorrenza con Lulic sulla fascia sinistra. Solo 15 minuti contro la Juve, un cross in curva, qualche segnale di crescita ma l’impatto non è stato straordinario per molti. La speranza che possa riuscire a ritargliarsi uno spazio importante con il bosniaco che potrebbe anche essere dirottato sulla destra dove Marusic è molto limitato da un problema fisico alla schiena. Si vedrà, intanto l’ex laterale del Betis Siviglia attende un’occasione per prendersi la fascia sinistra. Poi l’ultimo, il più costoso, il sostituto di Felipe Anderson andato al West Ham, ancora fermo a zero punti in Premier: Joaquin Correa. Pagato quasi venti milioni si è visto in due spezzoni contro Napoli e Juve (48 minuti), Inzaghi punta sulla sua fantasia e Lotito spera di vederlo presto titolare (non in Europa League dove deve scontare un turno di squalifica). Già a Empoli c’è bisogno dei nuovi acquisti per continuare la rimonta, altrimenti sarà complicato raggiungere la Champions.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro