cerca

CARABINIERE UCCISO, CONFESSA UNO DEI DUE AMERICANI FERMATI

CARABINIERE UCCISO, CONFESSA UNO DEI DUE AMERICANI FERMATI

ROMA (ITALPRESS) - Avrebbe confessato di essere l'autore dell'omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega uno dei due americani fermati a Roma. Si tratterebbe di uno studente di 19 anni. Durante l'interrogatorio avrebbe ammesso di aver accoltellato il carabiniere la notte scorsa. Ancora al vaglio degli inquirenti la posizione dell'altra persona fermata. Entrambi gli indagati sono di nazionalita' statunitense. Sarebbero stati intercettati in un hotel di via Federico Cesi, non lontano dal luogo del delitto. Rega si era appostato per fermare due persone ritenute responsabili di un furto e un conseguente tentativo di estorsione, quando una delle due ha estratto un coltello e ha ferito piu' volte il vicebrigadiere. Inutili i soccorsi presso l'ospedale Santo Spirito, dove il militare e' poi morto. (ITALPRESS). sat/red 27-Lug-19 09:36

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro