cerca

TENSIONI E SGOMBERO EX SCUOLA NEL QUARTIERE PRIMAVALLE A ROMA

TENSIONI E SGOMBERO EX SCUOLA NEL QUARTIERE PRIMAVALLE A ROMA

ROMA (ITALPRESS) - Piu' di 200 agenti in tenuta anti-sommossa, decine di mezzi speciali, persino un elicottero. Uno spiegamento di forze imponenti per sgomberare l'ex scuola Don Calabria di via Capranica, nel quartiere di Primavalle. L'edificio, occupato dal 2003 e in cui vivevano circa 340 persone, (tra questi una ottantina di bambini), era finito nell'elenco degli immobili da liberare. Un elenco redatto dalla Prefettura ma approvato con il benestare del Viminale. Una mattinata di forte tensione quella di oggi, anticipata da una febbrile trattativa tra i funzionari di Prefettura e Comune di Roma e i rappresentanti delle famiglie occupanti. Famiglie che dopo ore si sono convinte a lasciare lo stabile accettando alloggi alternativi. Solo un gruppo minoritario e piu' ostile allo sgombero ha issato attorno all'ex scuola una barricata fatta di gomme e rifiuti, dando fuoco a materassi a cassonetti. Una quarantina di occupanti si e' poi barricata sul terrazzo. Un ultimo gruppetto le cui resistenze nella tarda mattina sono cedute sotto le rassicurazioni dei funzionari della polizia. Molte le reazioni politiche alla vicenda, a partire dal ministro degli Interni Matteo Salvini che attraverso una nota celebra il risultato definitivo e cioe' il totale sgombero dell'edificio: "Dalle parole ai fatti: come promesso, nessuna tolleranza per occupazioni e violenze. Da anni lo stabile liberato questa mattina a Roma era indicato come pericoloso: stiamo liberando gli edifici seguendo criteri oggettivi. Ci aspettiamo che non ci sia un magistrato buonista per giudicare i violenti". (ITALPRESS). tai/pc/red 15-Lug-19 13:34

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro