cerca

PSICOSI

Anche in Usa è terrore Coronavirus: emergenza sanitaria

Vietato l'ingresso nel Paese a chi è stato in Cina negli ultimi 14 giorni

Anche in Usa è terrore Coronavirus: emergenza sanitaria

Gli Stati Uniti hanno dichiarato l’emergenza sanitaria pubblica in risposta all’epidemia di Coronavirus che ha infettato quasi 10mila persone in tutto il mondo. Le autorità Usa, inoltre, impediranno l’ingresso dei cittadini stranieri che abbiano viaggiato in Cina nei 14 giorni precedenti.

«Il rischio di infezione per gli americani rimane basso. Con queste e altre precedenti azioni puntiamo a mantenere basso questo rischio», ha dichiarato il ministro della Salute, Alex Azar, secondo quanto riportano i media Usa.

Gli Stati Uniti hanno bloccato tutti i viaggi in Cina poiché il numero di casi del nuovo preoccupante virus è aumentato di oltre dieci volte in una settimana, con un bilancio che ha superato le 200 vittime. Il virus ha infettato quasi 10.000 persone in tutto il mondo in soli due mesi, un segno preoccupante della sua diffusione che ha spinto l’Organizzazione mondiale della sanità a dichiarare l’epidemia un’emergenza globale. Il bilancio delle vittime è stato di 213, tra cui 43 nuovi decessi, tutti in Cina.

L’allarme del Dipartimento di Stato è di livello 4 «Non viaggiare», quello di livello più alto. E' anche stato sconsigliato agli americani in Cina di partire con mezzi commerciali. «I viaggiatori dovrebbero essere pronti a rendere effettive le restrizioni di viaggio con un preavviso minimo o nullo», ha ammonito il Dipartimento di Stato Usa . Ore dopo, Delta Air Lines e American Airlines hanno annunciato che stavano sospendendo tutti i voli tra gli Stati Uniti e la Cina, insieme a diversi vettori internazionali che hanno smesso di volare verso le città cinesi mentre l’epidemia di virus continua a diffondersi. Nel frattempo, funzionari sanitari statunitensi hanno emesso un ordine di quarantena di due settimane per i 195 americani evacuati all’inizio di questa settimana dalla città cinese di Wuhan, l’epicentro dell’epidemia. È la prima volta che una quarantena federale è stata ordinata dagli anni ’60, quando è stata promulgata per la potenziale diffusione del vaiolo, affermano i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

«Comprendiamo che questa azione può sembrare drastica. Preferiremmo essere ricordati per aver reagito in modo eccessivo piuttosto che per aver reagito in modo insufficiente», ha affermato la dottoressa Nancy Messonnier del CDC. Nessuno degli americani alloggiati in una base militare della California meridionale ha mostrato segni di malattia. La Cina ha contato 9.692 casi confermati, la stragrande maggioranza nella provincia di Hubei e nella sua capitale provinciale, Wuhan, dove sono stati rilevati i primi casi a dicembre.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro