cerca

solidarietà

Con "Ciao Pà!" in campo col cuore

Bonolis presenta la partita tra le Nazionali Cantanti e Tv. L'Università "San Raffaele" è main sponsor, Libero e Il Tempo media partner

Con "Ciao Pà!" in campo col cuore

Abita nell’ordine naturale della carità quello che San Tommaso d’Aquino chiamava «principio di prossimità solidale». Ecco allora perché sarà importante; anzi: nobilmente encomiabile; di più: tendenzialmente santificante seguire la partita di calcio «Ciao Pà!» in programma mercoledì 13 novembre, alle 20,30, allo stadio «Benito Stirpe» di Frosinone. Main sponsor dell'evento è l'Università San Raffaele. Libero Quotidiano e Il Tempo Quotidiano sono media partner.

Ad affrontarsi saranno la Nazionale Italiana Cantanti, guidata dal presidente Paolo Belli e la Nazionale Calcio TV capitanata da Paolo Bonolis. Con quello frusinate siamo al sesto capitolo del memorial benefico «Silvio Bonolis», papà di Paolo scomparso un anno fa. L’evento di mercoledì è organizzato dal Centro Ricerche Studi Onlus in sostegno del progetto «Adotta un Angelo» E perché, tornando a bomba, sarebbe il caso che una platea la più vasta possibile evitasse di disertare l’evento ciociaro? Perché i soldi che verranno raggruzzolati andranno al sullodato Centro Ricerche Studi Onlus, una benedetta associazione di volontari che si occupa di assistenza domiciliare gratuita (sei ore al giorno) a bimbi affetti da patologie cronache complesse. Un’opera di concreta e commovente solidarietà la cui missione è quella di contribuire a migliorare la qualità della vita non solo del piccolo malato ma anche di tutta la famiglia che gli sta attorno.

Si tratta, per soprammercato, di un progetto che ha la finalità di ridurre “i ricorrenti, impropri ricoveri in ospedale portando di fatto contributi concreti a quello che noi definiamo il nostro «terzo mondo - sottolinea il professor Berardinelli, pediatra al Bambino Gesù di Roma e infaticabile animatore e promotore della Onlus. -. Un mondo che troviamo a poca distanza dalle nostre accoglienti abitazioni e che spesso non riusciamo a vedere. Parliamo di bambini totalmente dipendendo dalle nostre cure ed attenzioni e quindi costretti ad essere sostenuti in tutte le attività della vita quotidiana. Da dire che le nostre iniziative hanno il valore di un appello accorato alle istituzioni».

La partita solidale è stata presentata ieri nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte Paolo Bonolis, Paolo Belli, Jimmy Ghione, Marco Bazzoni e lo stesso professor Berardinelli. «Vedrete, sarà la partita del secolo - ha ironizzato Bonolis -. Niente a vedere con quelle che hanno fatto la storia del calcio mondiale. I nostri avversari, ancora una volta, cercheranno di vincere barando anche se devo ammettere, sono più forti di noi. Scherzi a parte, eventi del genere ci garantiscono l’esercizio costante della beneficenza. Mi auguro che, mercoledì prossimo, lo stadio “Stirpe” sia pieno». «Siamo orgogliosi di questo evento - il commento di Belli -. Abbiamo sentito il dovere, come Nazionale dei Cantanti, di dare, noi che nella vita siamo stato fortunati, una mano concreta a chi soffre. Ed è per questo che non smetteremo mai di aiutare le associazioni vicine agli ultimi, ai malati».

Accessibilissimi i prezzi dei bliglietti. Si va dai 7 euro della curva ai 10 e 25 in tribuna. Si può fare. Si deve fare. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro