cerca

LA DEGUSTAZIONE

Maremma, territorio Di vino

Maremma, territorio Di vino

C'è una Toscana del vino ancora poco conosciuta - schiacciata tra i colossi del Chianti, del Brunello e delle cantine di Bolgheri - ma che ha numeri e qualità di assoluto valore.  E' il territorio dove sono coltivati i vigneti che si estendono in Maremma (con l'omonima Doc) e salgono verso Scansano (il Morellino) e poi su da Grosseto verso Siena (il consorzio di Montecucco) lungo una linea che unisce i paesi di Arcidosso, Castel de Piano, Cinigiano e Civitella Paganico. Una zona dove la fa da padrone il Sangiovese ma con coraggiosi impianti di altri vitigni come il Cabernet Sauvignon o il Sirah che proprio in Maremma sembra aver trovato il suo habitat naturale, tra il mare e i primi contrafforti delle colline del grossetano.  E' il caso dell'azienda Tenuti Casteani, a Gavorrano, alle spalle di Grosseto, che produce un Sirah in purezza, il Marujo che viene fatto <maturare> in anfore di terracotta. Un vino di grande freschezza che rende onore a chi ha avuto il coraggio di sperimentare. Tutti insieme i tre consorzi si sono <presentati> a Roma in una grande degustazione a palazzo Borghese con i tre presidenti e una selezione di 52 aziende e oltre 200 etichette. <Sono convinto - ha spiegato Francesco Mazzei del Consorzio tutela vini della Maremma toscana - che l'unione con gli altri ci renda più forti nel trasferire le tante sfaccettature di una proposta vinicola figlia di un luogo contaminato con caratteristiche climatiche, pedologiche e morfologiche molto diverse tra loro>.

 La sperimentazione con altri vitigni non penalizza però il <padrone di casa>, il Sangiovese, che qui la fa da padrone. E così come nel Chianti molti produttori sono ormai orientati a usarlo in purezza anche nella Doc Montecucco e in quella del Morellino le aziende stanno spingendo verso questa soluzione. Come la cantina Val di Toro, a Scansano, che produce il Morellino riserva 2016 <Reviresco>, un vino molto in linea con la tipicità del Sangiovese, con profumi balsamici e sbuffi di cacao in polvere. O il Montecucco Sangiovese Docg Riserva 2015 <Otto Ettari>, prodotto a Casteldepiano: caldo, morbido, con una buona spalla acida e tannini morbidi. E proprio nella zona di Montecucco il Sangiovese si arricchisce di ulteriori profumi grazie a una forte escursione termica tra giorno e notte.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro