cerca

fuga dal rigore

I portoghesi di Banca d'Italia

Dopo aver imposto al governo italiano leggi come la Fornero e strette fiscali i dipendenti di Visco vanno in Portogallo a godersi la pensione esentasse. E la Cisl...

Bankitalia fa il funerale ai banchieri

I lavoratori della Banca d’Italia pensano al futuro del Paese. Ma anche al proprio. Molti di loro avranno aiutato i governi del rigore a scrivere leggi infernali, dalla Fornero al taglio di sanità e prestazioni sociali. Ma quando si tratta di soldi propri l’austerity viene accuratamente riposta nel cassetto. E se l’obiettivo è sfuggire alla voracità del fisco italiano vale tutto. Anche fare i portoghesi. In tutti i sensi: non pagare (le imposte) e trasferirsi in Portogallo. Nazione che pur di attirare pensionati da tutta Europa è disposta a offrire una tassazione vicina allo zero e servizi con standard europei. Non è un segreto. E qualcuno a Palazzo Koch dopo aver incassato una copiosa rendita ha già spostato «baracca e burattini» sulle coste dell’Oceano Atlantico e nei deliziosi villaggi tra Lisbona e Oporto. Iniziative però ancora troppo individuali e «fai da te». Dunque meglio conoscere i dettgali per preparare la fuga dalle tenaglie, implacabili, dei quasi colleghi del ministero del Tesoro sui redditi. A questo fine il sindacato interno, targato Cisl, ha invitato gli iscritti e non, a...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro