cerca

economia a pezzi

Incubo recessione. Chi trascina giù tutti

Colpite le principali economie mondiali. A lanciare l'allarme è stata la Bundesbank che...

Incubo recessione. Chi trascina giù tutti

Si allarga lo spettro recessione che dagli Usa alla Germania colpisce le principali economie del pianeta. A lanciare un nuovo esplicito segnale in questo senso è stata la Bundesbank che nel consueto bollettino mensile ha spiegato che già nel terzo trimestre dell'anno l'economia tedesca potrebbe scivolare in recessione. E questo a causa di una "forte contrazione" della produzione industriale, ostacolata dalle tensioni commerciali internazionali a partire dalla guerra dei dazi tra Cina e Usa.

"L'economia potrebbe contrarsi di nuovo quest'estate dopo un calo dello 0,1% del Pil nel secondo trimestre", osserva la Bundesbank, spingendo il paese verso una recessione tecnica. La prospettiva riaccende a Berlino il dibattito sulla necessità per il governo tedesco di deviare dal suo dogma di pareggio di bilancio per fornire i mezzi necessari a spingere l'economia.

Ma anche sull'altro lato dell'Oceano la prospettiva di una brusca frenata dell'economia si fa sempre più concreta. E in tempi sempre più ravvicinati. Il 98% degli esperti intervistati tra il 14 luglio e il 1° agosto nell'ambito di un sondaggio condotto negli Usa dalla National Association for Business Economics, la più grande associazione professionale degli economisti aziendali, ritiene che l'economia statunitense entrerà in recessione dopo il 2019. Il campione è diviso tra chi posiziona l'inversione di marcia già nel 2020 e chi la prevede per il 2021.

Questi dati hanno effetti a cascata sulle altre economie. Un rapporto stilato da Reuters Tankan sulla situazione in Giappone mostra che il sentiment delle aziende manifatturiere nipponiche è scivolato al valore più basso dall'aprile del 2013. L'indice relativo al mese di agosto è crollato ad agosto a -4 punti, dai +3 di luglio. Si tratta del primo dato al di sotto dello zero in più di sei anni. E tra i fattori responsabili della sfiducia delle aziende giapponesi, spicca il timore di una recessione scaturito anche dalla guerra commerciale in corso che incombe sulle economie di Stati Uniti e Germania. Le aziende giapponesi guardano con preoccupazione anche al pericolo di un peggioramento dell'economia cinese. Ad aggiungere preoccupazioni la fiacca dinamica dell'inflazione in Europa che secondo i dati diffusi oggi da Eurostat a luglio è scesa all'1% dall'1,3% del mese precedente. Un anno prima il tasso dell'inflazione era al 2,2%.

E ora mercati e analisti tornano a guardare alle banche centrali, specie Fed e Bce, da cui si attendono nuovi stimoli monetari. E negli ultimi giorni si sono moltiplicati i segnali in questo senso. La People's Bank of China ha reso noto che, a partire da questo mese, introdurrà un meccanismo volto ad abbassare i tassi sui prestiti su base reale, mentre venerdì scorso Olli Rehn, governatore della banca centrale finlandese e membro della Bce, ha preannunciato mosse molto aggressive della banca centrale europea il prossimo 12 settembre, con possibile taglio dei tassi e un sostanziale piano di acquisto di asset. E negli Usa anche la Fed resta sotto pressione dopo il taglio dei tassi, giudicato troppo timido dalla Casa Bianca, portato a termine nelle scorse settimane. "Tutti gli occhi saranno rivolti al simposio annuale di Jackson Hole - afferma Michael Hewson, chief market analyst di Cmc Markets Uk -, soprattutto perché gli ultimi dati economici Usa mostrano segni di un forte rallentamento, nonostante il mercato prezzi una prospettiva di un taglio dei tassi di 50 punti base il mese prossimo. Questa divergenza nelle aspettative sarà probabilmente testata nei prossimi giorni".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro