cerca

Le memorie del " prefetto di ferro"

Memento Mori

Il libro più bello di questa estate è “Con la Mafia ai ferri corti”

Memento Mori

Il libro più bello di questa estate è “Con la Mafia ai ferri corti”. Non è una novità, è uscito nell’aprile del 1932, non è neppure una riedizione piuttosto una “ristampa”, squisitamente militante, ed è – oggi che le cronache tornano sulla trattativa Stato-Mafia – la bussola su cui orientare l’azione di tutti contro la criminalità organizzata.

È il libro di Cesare Mori, il Prefetto di ferro. Nessuno – tanto meno il suo editore storico, Mondadori – ha mai pensato di ripubblicarlo per non divulgare il segreto dei segreti: e cioè che solo il fascismo ebbe a stanare la Mafia incarcerandone e uccidendone i capi, facendone scappare altri fin negli Stati Uniti da dove poi sarebbero tornati alla testa della “liberazione”, i famosi paisà con le Stelle & Strisce.

A differenza di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e di tutti gli altri martiri nella lotta alla Mafia, “Mori” – scrive Ciccio Ciulla, l’editore di Centro culturale Occidente, “operò e tornò vivo a casa sua mentre i criminali rimasero in galera ”.

E già questo basta a segnare la differenza quando, disarmando gli eroi, isolandoli – com’è purtroppo accaduto nella nostra recente storia – si è passati ai patti larghi, “anzi, larghissimi”.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie

Opinioni