cerca

riflettori sui musei

La cultura non è gratis

Botta e risposta tra il ministro Bonisoli e Franceschini

Paolucci: «Fermate questi truffatori. Inascoltati tutti i nostri Sos»

Niente più domeniche gratuite nei musei. O meglio: «È l’obbligo che non va bene», dice Alberto Bonisoli, il ministro della Cultura, «lascerò maggiore libertà ai direttori». Niente più scampagnate a sbafo nei siti archeologici, «rischiamo anche» – prosegue Bonisoli – «di svalutare il valore dei nostri siti». Ecco il ragionamento del ministro: «Aprire gratis la prima domenica di agosto con migliaia di turisti stranieri non va bene».

Dario Franceschini, ex inquilino del Ministero, è invece contrariato. Dice che era «pedagogico ed educativo» dare tutta quella cultura a gratis ma il concetto proposto da Bonisoli, quel «svalutare», toglie ogni argomento ai pur acculturati detrattori. In un’Italia dove giustamente non si riparano rubinetti gratis uno stagnino è professionalmente più tutelato – con tutto il rispetto – di un artista o di un operatore culturale per i quali la propria produzione è pari a zero. E la «svalutazione» di cui parla Bonisoli riconduce la questione a un punto: il dare la cultura come fosse intrattenimento ciripiripì di festa, farina e forca è il dare le perle ai porci. L’unica pedagogia – la più urgente educazione – è il valore, il far pesare il valore.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie

Opinioni