cerca

la guida alpina dei migranti

Misericordia e nobiltà

Misericordia e nobiltà

La guida alpina Benoit Duclos

La storia è sulla bocca di tutti. Benoit Ducros, guida alpina, rischia cinque anni di carcere. Grave e infame, l’accusa: traffico di esseri umani. Il 10 marzo scorso, il signor Ducros si ritrova a soccorrere una donna incinta al confine tra Italia e Francia.
Con lei, tra le nevi del passo del Monginevro, ci sono il marito e i loro figli di due e quattro anni. Tutti africani.

La signora sta male, il signor Ducros che fa quello che si deve fare, la porta in ospedale dove la donna partorisce e in flagranza di reato – perché in un illecito incorre – si becca una rogna dalla magistratura francese per violazione delle leggi sull'immigrazione.
Sulla bocca di tutti la storia si trasforma perfino in un «ben gli sta» alla guida alpina. Ed è il primo passo del «così si fa, con la galera» ma quelle nevi sono le stesse degli elefanti di Annibale varcando le Alpi e ciò che ha fatto la guida alpina è quel che fanno i pescatori di Mazara Del Vallo, nel Mediterraneo. Sentono urtare nei propri legni qualcosa e con le mani, dalle onde, raccolgono cose che sembrano solo cose e, invece, sono occhi che chiedono aiuto. Il famoso traffico di Misericordia.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie

Opinioni