cerca

Cinema e polemiche

Divise contro il film su Cucchi
(che c'è costato 600mila euro)

Il Festival di Venezia plaude all'opera finanziata dallo Stato. Carabinieri, polizia, penitenziaria: "Fango su di noi senza prove"

Divise contro il film su Cucchi (che c'è costato 600mila euro)

Il film sulla morte di Stefano Cucchi, "Sulla mia pelle", diretto da Alessio Cremonini e presentato al Festival di Venezia, scatena polemiche a non finire. Sia per la notizia (confermata al Tempo dal produttore) che la pellicola è stata finanziata per 600mila euro dallo Stato, sia perché - fanno notare carabinieri, poliziotti, agenti della Penitenziaria in alcune note inviate al nostro giornale - si manda in giro per il mondo una storia controversa, con molti punti oscuri e soprattutto non definita processualmente ma che anzi, fin qui, ha visto sempre sentenze favorevoli agli imputati.

Il primo a tuonare è il Cocer dei carabinieri, l’organo di rappresentanza, che in una nota fa presente «di non aver visto e di non aver alcuna intenzione di vedere il film, per cui nessun commento può essere fatto sul contenuto. Di contro - aggiunge - ci sarebbe da indignarsi se si accertasse che lo stesso è stato prodotto con il contributo dello Stato...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro