cerca

Caso Gomorra, gli accademici di Hollywood hanno riscoperto l'ignoranza

Caso Gomorra, gli accademici di Hollywood hanno riscoperto l'ignoranza

Una scena di Gomorra, di Matteo Garrone

Sono sessant'anni che bazzico premi e giurie, ai festival, per principio, non ho mai voluto partecipare a quel giochetto che, a seconda delle circostanze, è chiamato «totoLeoni» o «totoPalme», ma in quest'occasione sarei stato persino pronto a scommettere, specie dopo aver visto, qualche tempo fa, la lista dei vari film stranieri che, dai rispettivi paesi, erano stati designati a concorrere per quel premio.

Due soli, oltre a «Gomorra», mi sembravano possibili, l'israeliano «Valzer di Bashir» e il francese «La classe» ed ero perciò certo che li avrei ritrovati fra i nove, ma non senza lo splendido film di Matteo Garrone destinato ad inserirsi tra le pagine migliori, più intelligenti, e più solide del nostro cinema, alla pari con Rossellini e con gli autori più validi di quello che, nei Sessanta, avevamo definito «cinema civile»: Rosi, Petri, Damiani. Invece niente, invece il silenzio più totale. Il collega che mi dava la notizia mi chiedeva se poteva capirne le ragioni.


Una sola, l'ignoranza. Il cinema è una cosa seria e per giudicarlo bisogna essere seri. Evidentemente non sempre i signori Accademici di Hollywood lo sono. Anche se, in questo ultimo decennio, avevano, in molti, dimostrato di saperlo essere.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro