cerca

Al Pacino

Il suo «tappeto rosso» è stato preceduto da una manifestazione dei centri sociali romani.
In serata è stata poi proiettata l'anteprima mondiale del suo film «Chinese Coffee», la sua quarta regia dopo «Riccardo III», considerando anche il documentario «Babbleonia» e «Salomaybe?» (dove Pacino farà la parte di Re Erode), ancora in fase di lavorazione e che l'attore americano spera di presentare al prossimo Festival di Roma. «Salomaybe?» nasce dal desiderio «di realizzare un film sulla vita e le opere di Oscar Wilde. Vedendo in Inghilterra la pièce messa in scena da Steven Berkoff ho provato un shoc e solo alla fine mi sono reso conto che era stata scritta da Oscar Wilde. Allora, ho cercato di analizzarla meglio, di approfondirla e per farlo dovevo recitarla. Sono già tre anni che ci sto lavorando. Avrei voluto mostrarvela qui al Festival, ma non è ancora pronta, forse lo sarà l'anno prossimo». Prima dell'incontro con il pubblico sono stati proiettati spezzoni emozionanti dei suoi film più belli: «Il Padrino» (I e II), «Scarface», «Profumo di donna», «Lo spaventapasseri», «Carlito's Way» e altri.
Per lui il mestiere dell'attore «ha le stesse implicazioni degli artisti e dei romanzieri, ha una grande forza narrativa, al di là dello star system commerciale e l'Actor's Studio è da sempre la mia famiglia: forse non tutti sanno che è gratuito e che puoi parteciparvi a qualsiasi età, basta superare il provino e ne diventi membro a vita. Quando iniziai negli anni '60 ero giovanissimo, recitavo con Marlon Brando, con De Niro e con Strasberg, il mio maestro, e tutti erano gentili con me: anch'io adesso cerco di non intimidire i miei giovani allievi. Il bello dell'Acor's Studio è che c'è sempre spazio per sperimentare. Con il mio mentore, Strasberg, ho avuto persino il privilegio di recitare in "Il Padrino Parte II": ci capivamo e non mi ha mai dato istruzioni o indicazioni, solo una volta mi disse: "Se vuoi recitare devi imparare le battute". E aveva ragione perché con il tempo si rischia di dimenticarle, di sovrapporre i tanti ruoli interpretati e da alcuni di questi è pure difficile distaccarsi: mi è accaduto con il personaggio di "Quel pomeriggio di un giorno da cani", ma ora non ho più quel problema, col tempo ci si attacca ad altre cose. Il cinema è un mezzo ancora giovane e ricco di magia con una capacità d'espressione infinita. Però continuo ad amare di più il teatro. Amo il cinema, mi piace vedere i film ma non impazzisco all'idea di farli. Invece, non c'è niente di più bello che sentire il pubblico dal vivo. Sono un performer nato, a volte esagero nelle mie performance, ogni ruolo è come una tela vuota che cerco di riempire in qualche modo e la cosa migliore della recitazione è farsi una bella bevuta a fine spettacolo. Preferisco i tempi europei per lavorare in un set: sono più lenti, meno faticosi e ogni pranzo dura tre ore».
E a chi gli ha chiesto se la pensa come Toni Montana, il suo personaggio in «Scarface» che diceva: «Dico sempre la verità anche quando mento», Pacino ha risposto che «nella vita recito ogni giorno, ma è nel recitare che dico sempre la verità». Mentre il consiglio a un giovane attore per fare colpo sul regista è uno solo: «Non presentarsi al provino», ha ironizzato il divo hollywoodiano che, oltre al Marc'Aurelio, ha ricevuto sul red carpet il Gongolo di «Striscia la notizia».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro