cerca

Quattro storie sui tormenti dell'anima


In questo nuovo testo si possono seguire quattro storie. Quella di una donna che gestisce un ristorante sulle rive del mare, con un passato alle spalle che pesa su di lei con molte ombre. Quella di un ragazzo e di una ragazza che, quasi ai confini del Messico, intrecciano fra loro una storia d'amore ostacolata nelle rispettive famiglie perché la madre di lei era stata l'amante del padre di lui, morti entrambi in un incendio nella casa in cui si nascondevano per fare l'amore. Una terza con una ragazzina al centro che assiste sgomenta a un incidente aereo in cui resta gravemente ferito suo padre. Una quarta, infine, con una donna che, guarita da un male difficile da curarsi, trova l'amore al di fuori del focolare domestico grazie a un uomo in grado di comprenderla e di accettarla com'è.
All'inizio ogni vicenda sembra essere autonoma, senza collegamenti con le altre. I personaggi, sempre ben delineati, si propongono con i loro casi, affrontano, nell'immediato, le situazioni in cui vengono coinvolti, decidono di sè stessi, si relazionano intensamente con gli altri. Poi, però, grazie all'abile tessitura narrativa immaginata di Arriaga, quasi insensibilmente finiscono per collegare le loro vicende con quelle degli altri. E non solo perché si muovono in parallelo e poi si incontrano, ma perché - è la sottile trovata del testo - quello che con alcuni personaggi sembrava si riferisse al presente è, in realtà, un passato abbastanza lontano, carico di dolori, di contrasti, in qualche momento persino di drammi.
Un espediente che disponde con metodo e salda ispirazione dei veri e propri tasselli di un mosaico di cui, solo alla fine, si vedrà il disegno compiuto, mentre al suo interno, si compiono anche i problemi sentimentali dei principali personaggi di cui, solo in quel momento, si realizza quello che era presente e quello che era passato.
Potrebbe sembrare un gioco, ma Arriaga, oltre a sostenerlo con vigore dal punto di vista della scrittura, l'ha vivificato con un linguaggio figurativo che, specie nei molti esterni - il mare, il deserto - sa sempre proporsi con stile. Pronto a conquistare.
La protagonista, che incontriamo all'inizio mentre gestisce un ristorante, è Charlize Theron, con una mimica che sa esprimere alla perfezione i tormenti che l'affliggono. L'accompagna un'altra attrice-diva, Kim Basinger, con eguali tensioni.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro