cerca

LA SCOPERTA

Una marcia di Puccini eseguita in Argentina

Celebre per alcune delle opere più gettonate del mondo, il maestro lucchese ha lavorato in pochissime occasioni su temi strumentali o vocali, e delle 40 composizioni recensite in questo ambito varie, come il valzer "Prime fantasie" (1879) o la romanza per tenore e piano "Ah se potesse" (1882), sono di fatto perdute. Anche per questo l'annuncio inserito dai ricercatori argentini Gustavo Gabriel Otero e Daniel Varacalli Costas nel volume "Puccini in Argentina - giugno-agosto 1905" del ritrovamento della marcia "Dios y patria" ha destato interesse negli ambienti della musica pucciniana. "Dios y patria", terminato il 3 agosto 1905, fu il risultato di una richiesta de "La Prensa" che incaricò il filologo e giornalista salernitano Mattia Calandrelli di scriverne le parole. Il tutto fu pubblicato sul giornale del 15 agosto, quando il maestro aveva già lasciato l'Argentina. Il testo riflette il linguaggio retorico dell'epoca, attraverso varianti tipicamente nazionaliste. La musica - in Do maggiore, in un tempo Andante dignitoso - è di linee semplici e adeguata ai suoi propositi scolari.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie

Opinioni