Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Dopo la minigonna Loredana Bertè riscopre anche il vinile

Carlo Antini
Carlo Antini

Testo e musica le mie coordinate. Sono nato in Puglia ma vivo a Roma dalla scuola materna. La laurea in Scienze della Comunicazione e la passione per il giornalismo mi hanno portato nella redazione de "Il Tempo"

Vai al blog
  • a
  • a
  • a

Genio e sregolatezza. Talento e provocazione. Loredana Bertè ci ha abituato a una carriera tra alti e bassi, luci e ombre ma dopo decenni di dischi, tournée e spettacoli è ancora lì, salda sulla cresta dell’onda. Corteggiata dai talent show della tv, dai grandi autori e dalle nuove leve del pop. Perché tutti sono consapevoli che il suo “tocco” è inimitabile e la sua voce graffiante garanzia di rotazioni radiofoniche e primi posti in classifica. Nei giorni scorsi è intervenuta anche nel caso scoppiato al liceo Socrate di Roma, dove le studentesse hanno deciso di indossare la minigonna nonostante gli avvertimenti della vicepreside. La Bertè si è schierata al fianco delle studentesse e ha raccontato sui social che "quando avevo io la minigonna agli autisti cadeva l'occhio e tamponavano". Insomma libertà di scelta per le ragazze a scuola.

Il 20 settembre Loredana Bertè ha compiuto 70 anni. Una data che non è passata inosservata. E allora via a una serie di iniziative discografiche che ci accompagneranno per un anno intero: progetti che ci terranno compagnia fino al 20 settembre 2021. Il giorno del suo compleanno è arrivato il nuovo logo e il restyling del sito internet e di tutti i suoi canali social. L’appuntamento più appetitoso sarà, però, la “70Bertè - Vinyl collection”: cinque iconiche pubblicazioni in edizione limitata per celebrare una vera fuoriclasse. La prima uscita della collezione è la ristampa in vinile di «Loredanabertè». Si tratta senza dubbio di uno degli album più rappresentativi della Bertè e contiene, tra le altre, la hit «In alto mare». La ristampa in vinile (disponibile su Amazon.it, BTF.it, IBS.it, Mondadori.it e nei negozi di dischi) è uscita per la prima volta anche in picture disc, formato 12” - 180 gr., in due versioni: “standard” con card e “deluxe” con card autografata in serie limitata e numerata a mille copie. L’immagine della card riproduce la copertina originale del 45 giri “In alto mare” divenuto uno dei brani simbolo della cantante di Bagnara Calabra con oltre 200 mila copie vendute in pochi mesi.

«Loredanabertè» fu pubblicato per la prima volta nel 1980 e riscosse subito un grande successo di pubblico e critica. Può essere considerato il suo album di svolta «funky». Una pietra miliare con sonorità all'avanguardia. Prodotto da Mario Lavezzi (che firmava anche gran parte dei brani) in «Loredanabertè» spiccano brani come «In alto mare» e «Buongiorno anche a te», scritta da un giovane Pino Daniele, così come «Un po’ di tutto», mentre «Diverse libertà» porta la firma di Ron. Alberto Radius, Roberto Colombo, Oscar Avogadro, Daniele Pace, Rosario Jermano e Gianfranco Baldazzi sono gli altri compositori e autori di quest’album la cui copertina è opera del pittore Romeo Borzini. La serie delle ristampe da collezione «70Bertè - Vinyl collection» prevede la pubblicazione in vinile di altri 4 dischi, ognuno in occasione di particolari ricorrenze o eventi: a novembre 2020 (Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne) uscirà il 45 giri di «Fiabe/Anima vai»; ad aprile 2021 (Record Store Day 2021), “T.I.R.", l’album che ha consacrato l’artista "rivelazione dell'anno 1977"; a giugno 2021 (Pride 2021) l’album «Traslocando» inserito da Rolling Stone nella classifica dei 100 dischi italiani più belli. A settembre 2021, per il 71esimo compleanno della cantante, sarà ripubblicato anche il vinile «Bandabertè»”, quarto album della discografia che contiene «...E la luna bussò», altro suo cavallo di battaglia. La grinta di Loredana Bertè ci strega da decenni. Sperimenta generi diversi e stringe amicizie speciali come quella che la lega a Renato Zero dai tempi del Piper. La sua arte e la vita privata si intrecciano perfettamente nella storia di chi può essere considerata una delle ultime vere dive della canzone italiana.

Dai blog