cerca

A San Siro finisce 0-0

Lazio, con l'Inter
un pari da Champions

Lazio, con l'Inter un pari da Champions

Tra Inter e Lazio finisce 0-0. Tante occasioni per i biancocelesti, soprattutto nella ripresa, trascinati da Felipe Anderson e Immobile. Nel secondo tempo l’arbitro Rocchi ha prima concesso e poi revocato (con l’utilizzo della Var) un calcio di rigore per un fallo di mano di Skriniar. Si tratta comunque di un punto importante per la corsa alla Champions League. Il quarto posto adesso è a due lunghezze (con una partita da recuperare). 

PRIMO TEMPO - Alla fine mister Inzaghi sceglie Bastos per contrastare Perisic, scivola in panchina il brasiliano Wallace. Per il resto la formazione è confermata, in attacco Luis Alberto si muove alle spalle di Ciro Immobile nel classico 3-5-1-1. Anche dall’altra parte nessuna sorpresa, Spalletti insiste con il 4-2-3-1: assenti Miranda e D’Ambrosio, al loro posto Cancelo e Ranocchia; sulla trequarti Candreva, Borja Valero e Perisic a supporto di Mauro Icardi. Il possesso palla è dei padroni di casa, ma i biancocelesti ripartono con velocità grazie alla qualità di Luis Alberto e Milinkovic Savic. La gara è equilibrata, il sergente serbo prova a sbloccarla con un destro dai 25 metri respinto da Handanovic. L’Inter risponde dieci minuti più tardi con un tiro al volo di Perisic, ma Strakosha si supera e spedisce il pallone in calcio d’angolo. Allo scadere della prima frazione di gioco - su corner di Luis Alberto - Borja Valero rischio l’autogol con un colpo di testa che si stampa sulla parte alta della traversa.

SECONDO TEMPO - Lo spartito è sempre lo stesso, non cambiano le formazioni, nemmeno la filosofia delle due squadre. L’Inter ci prova subito dalla distanza con Borja Valero, ma il solito Strakosha si allunga sulla destra e respinge in calcio d’angolo. Al decimo Inzaghi toglie dal campo Lulic e manda dentro Lukaku. Il belga si accende sulla sinistra, serpentine e uno-due vincenti con la collaborazione di Immobile e Milinkovic. Passano pochi minuti e l’arbitro Rocchi concede (inizialmente) un calcio di rigore alla Lazio per un fallo di mano di Skriniar in area. Decisione poi revocata dall’intervento della Var (il fischietto di Firenze ritiene involontario l’intervento del centrale ex Sampdoria). Il tecnico di Piacenza si gioca la carta Felipe Anderson, sulla trequarti al posto dello spagnolo Luis Alberto. L’ex Santos ci mette poco a rendersi pericoloso con un destro in diagonale, soltanto uno strepitoso Handanovic riesce a salvare. Ma l’occasione più clamorosa arriva al 35’: Immobile crossa dentro per Felipe, il brasiliano di prima intenzione chiude troppo il piatto e sbaglia a pochi passi dal portiere nerazzurro. Entra anche Nani, ma a San Siro termina 0-0.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie

Opinioni