cerca

SALUTE

L'Aifa blocca alcuni lotti di farmaci in Italia. Tra questi Buscopan anti-acido e Zantac

Sono quelli che contengono ranitidina e sono prodotti presso l’officina farmaceutica Saraca Laboratories Ltd-India. Ci sarebbe un'impurità cancerogena

L'Aifa blocca alcuni lotti di farmaci in ItaliaTra questi Buscopan anti-acido e Zantac

L’Agenzia italiana del farmaco ha disposto il ritiro di alcuni lotti di Buscopan antiacido, Ulcex, Zantac e altri medicinali contenenti ranitidina e prodotti presso l’officina farmaceutica Saraca Laboratories Ltd-India. Il motivo è la presenza, in alcuni di questi lotti, di un’impurità denominata N-nitrosodimetilammina (NDMA) appartenente alla classe delle nitrosammine, e classificata come probabilmente cancerogena per l’uomo, già rilevata nel 2018 in una classe di farmaci contro l’ipertensione.

In questi casi le autorità sanitarie operano secondo il principio di precauzione, che prevede di ridurre al minimo i rischi per il paziente, limitando l’esposizione alla sostanza potenzialmente dannosa.

"A scopo precauzionale, l’Aifa - si legge in una nota - ha anche disposto il divieto di utilizzo di tutti i lotti commercializzati in Italia di medicinali contenenti ranitidina prodotta da altre officine farmaceutiche, in attesa che vengano analizzati. Provvedimenti analoghi sono stati assunti o sono in corso di adozione negli altri Paesi dell’Unione Europea e in diversi paesi extraeuropei. L’Aifa sta lavorando insieme all’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) e alle altre agenzie europee per valutare il grado di contaminazione nei prodotti coinvolti e adottare misure correttive".

La ranitidina (antagonista dei recettori H2 dell’istamina) è un inibitore della secrezione acida utilizzato nel trattamento dell’ulcera, del reflusso gastroesofageo, del bruciore di stomaco e di altre condizioni associate a ipersecrezione acida. È commercializzata in Italia sia come medicinale soggetto a prescrizione medica, sia come medicinale di automedicazione, in forma di compresse, sciroppi o soluzioni iniettabili per uso endovenoso. Sono disponibili in commercio altri medicinali con le stesse indicazioni terapeutiche, pertanto i pazienti che assumono medicinali a base di ranitidina devono rivolgersi al proprio medico per discutere la possibilità di una terapia alternativa.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro