Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

I vigili perdono il bus

Vigili, un agente della Polizia di Roma capitale

  • a
  • a
  • a

Sembrava una polemica superata. Un rischio vanificato dall'intervento del sindaco, che a dicembre aveva prorogato la tessera Metrebus 2011 ai vigili urbani. Non era così. E, soprattutto, non è così semplice, come molte cose in questo Belpaese dalla burocrazia farraginosa e imperscrutabile. Con una circolare del primo giugno diretta a tutte le Unità Organizzative (UU.OO., anche le sigle acquistano un sapore borbonico nei comunicati ufficiali) della polizia di Roma Capitale si comunica che le stesse UU.OO. devono "procedere (anzi c'è scritto "precedere", ma è un refuso) al ritiro delle metrebus card e delle metrebus parking relative all'anno 2011 in possesso del personale di appartenenza". Fine. Nessun accenno alla distribuzione delle card 2012, che dovrebbero sostituire i vecchi titoli di viaggio sui mezzi Atac, metro e bus. Un'omissione che ha fatto scattare i polpastrelli ai sindacati di categoria. I quali hanno risposto a comunicato con comunicato. " 6.300 uomini della Polizia Locale di Roma Capitale ancora una volta sono sotto il tiro incrociato dei dissapori tra la Pisana e il Campidoglio - scrive l'Ospol - Le tessere, fino a ieri utilizzate dai vigili per muoversi all'interno della Capitale per servizio, sono state ritirate e distrutte, così come disposto dal Comando del Corpo con nota prot.97819, senza prevedere la sostituzione immediata con altre tessere valide. Pertanto i vigili sono rimasti appiedati e, se vogliono raggiungere celermente il posto di lavoro, distante spesso anche qualche chilometro, devono mettere mano alle tasche oppure andare a piedi". È una storia vecchia, aggiunge l'Ospol, e "viene riproposta ogni qualvolta l'Azienda di trasporto non riesce a incassare la sovvenzione di Roma Capitale e della Regione". Su questo non si può dar torto al sindacato. Il 22 dicembre 2011, infatti, l'azienda scrisse al Comando della Municipale spiegando che "a causa delle note criticità economico-finanziarie di Atac Spa, unite alla mancata adeguata compensazione economica più volte richiesta alla Regione", il rilascio dei titoli per il 2012 era sospeso. Tradotto: le nostre casse sono vuote, la Polverini non ci rimborsa, quindi niente card per i vigili. Questi ultimi protestarono. Il primo cittadino intervenne. E arriviamo alla scadenza della proroga alemanniana. Ma che dice in proposito il Campidoglio? Niente. In sua vece parla un consigliere comunale Pdl. "La polemica è fuori luogo - precisa Giovanni Quarzo - perché ai vigili basta essere in divisa o mostrare il tesserino di riconoscimento per viaggiare gratis". E allora qual è il problema? Inchiostro, fiato e tempo sprecati? Ai sindacalisti il conto non torna. "Se è vero che possiamo viaggiare senza biglietto, perché alcuni anni fa ci fu data la tessera?", si chiede retoricamente Luigi Maruccio dell'Ospol, organizzazione che ha diffidato "il Comune, la Regione e la Presidenza della metrobus-Atac a disporre l'immediata fornitura di nuove card" e ha avvertito che «reputerà responsabile di ogni disservizio che può derivare dalla mancanza dell'utilizzo del mezzo pubblico direttamente gli organi istituzionali deputati a tale incombenza di legge". Roba tosta, parole dure. Tanto rumore per nulla? No, secondo il responsabile del Coordinamento sindacale autonomo della Municipale, Stefano Lulli. Intanto, ricorda Lulli, in molte stazioni metro "non vi è personale dell'azienda per poter accedere con il tesserino di riconoscimento personale". E poi "questa direttiva, da una prima lettura, non desta attenzione trattandosi di card riferite all'anno 2011 - continua il sindacalista - Ma, non menzionando contestualmente le modalità di distribuzione delle tessere 2012 o, in alternativa, specifiche disposizioni sul libero accesso nei mezzi pubblici da parte della Polizia Locale, pone serie problematiche che non possono essere sottovalutate ricordando quanto accaduto nel 2011". Considerazioni che Lulli ha sottoposto, tra gli altri, alla Procura. Saranno le toghe a dover risolvere il non-problema?

Dai blog