cerca

PISANO "IL DIGITALE E' PUBBLICO, IL BUSINESS NON DEV'ESSERE PRIVATO"

PISANO "IL DIGITALE E' PUBBLICO, IL BUSINESS NON DEV'ESSERE PRIVATO"

MILANO (ITALPRESS) - "Non si puo' pensare di fare business sui servizi pubblici". Dopo le capziose polemiche sulla password di Stato, il ministro dell'Innovazione Paola Pisano in un'intervista sulle pagine di Economy torna sull'identita' digitale che consentira' ai cittadini di accedere tanto ai servizi della pubblica amministrazione quanto a quelli dei privati: "Se il cittadino e' gia' stato riconosciuto da altri soggetti, perche' rifare tutta la trafila? La Spid deve essere fornita gratuitamente e il costo, anche quello dei distributori privati come Tim, Poste e Aruba, dev'essere a carico dello Stato". E la password, chiaramente, la sceglieranno i cittadini. Che con un'app, (si chiama Io ed e' in fase di beta test) iscriveranno i figli a scuola, pagheranno i tributi, le Ztl, consulteranno il proprio fascicolo sanitario, faranno visure e molto altro. Non solo: Paola Pisano intende fare del Ministero "il provider dell'innovazione, prendendo sul campo le migliori tecnologie, ingegnerizzando i processi e impiantandoli fisicamente nei Comuni e nelle Regioni, e direttamente: se qualcuno pensa che la pubblica amministrazione si lasci distrarre dalla routine per fare innovazione, e' un pazzo". (ITALPRESS). vbo/com 08-Gen-20 23:04

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro