cerca

È NATA UNA STELLA

È romana la nuova Miss Europa

Giulia Ragazzini è la prima italiana a vincere, sogna di diventare attrice

La nuova Miss Europa è nata a Roma

 E' romana doc, parla quattro lingue, segni particolari: bellissima. È la prima italiana a vincere il concorso di Miss Europe che si è svolto a Beirut. Si chiama Giulia Ragazzini è nata a Roma, vive a Londra e si laureata in legge a Madrid. Parla inglese, francese, spagnolo e italiano e sta studiando l’arabo.

Ha partecipato al concorso World Next top model 2019, ha trascorso poco più di mese con le altre partecipanti in concorso provenienti da tutto il mondo e, nella serata finale, svoltasi negli studi televisivi di MTV, ha vinto ll prestigiosissimo titolo di Miss Europe. 

“Sono felicissima, è stata un’esperienza entusiasmante e sono molto orgogliosa perché sono stata l’unica italiana ad aver vinto questa competizione”, dice la splendida Giulia. 

World next top model è uno dei concorsi di bellezza internazionali più importanti. Lo show verrà trasmesso prossimamente su MTV Lebanon e Arabia e successivamente anche in Europa. Giulia racconta che il lavoro di modella è iniziato quasi per caso. “Ho sempre puntato sullo studio e sulla formazione, ho frequentato scuole e università molto rinomate e di matrice cattolica”, riferisce. 

Ha partecipato come unica concorrente italiana al contest di bellezza World next top model, Giulia si è impegnata molto nelle settimane di preparazione del concorso e attualmente sta facendo un corso intensivo di arabo per potere poi lavorare nel Middle East.

Per lei si sono già spalancate le porte dello star system internazionale, a breve inizierà un corso all’actor studio di New York perché tra le sue più grandi passioni c’è la recitazione.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro