Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

"Chissà, magari farò un duetto con l'altra Noemi"

Noemi, la cantante debuttò nella scorsa stagione di X-Factor

  • a
  • a
  • a

Dopo aver conquistato la celebrità con X Factor e aver festeggiato il Coca Cola [email protected] con un tuffo nella fontana di piazza del Popolo, Noemi punta tutto sul suo primo album di inediti. «Sulla mia pelle» arriverà nei negozi venerdì ed è stato anticipato dal singolo «L'amore si odia», cantato in coppia con Fiorella Mannoia. Noemi, com'è nato il duetto con Fiorella? «Ci siamo conosciute a X Factor ed è stato feeling a prima vista. Cantare con lei è un onore. È una donna eccezionale: semplice e gentile con tante storie da raccontare. Mi ha dato tanto». Non le capita mai di essere scambiata con Noemi Letizia, regina dei gossip estivi? «A livello pubblicitario mi giova, magari chi pensa che l'album sia dell'altra Noemi, lo compra e mi scopre. Ma credo che Noemi sia un prodotto mediatico. Ormai si pensa che se non vai in tv non vivi». Faresti qualcosa con lei? «Magari un duetto, non si sa mai nella vita...» Tornando al suo album. Come si sente alla vigilia di questo nuovo debutto? «Mi sento come una che inizia a giocare in serie A. Finora abbiamo scherzato ma adesso il gioco si fa duro sul serio». Che intende dire? «Quando si esce da una trasmissione come X Factor si continua a vivere l'effetto tv. Ma ora tutto questo sta finendo e devo cominciare a camminare con le mie gambe. Speriamo bene». Lo sta seguendo il nuovo X Factor? «Mi fa un po' tristezza. Rivedo i luoghi dove sono stata e mi viene il nodo alla gola». Per chi tifa? «Quello che mi ha colpito di più è Damiano. L'avevo conosciuto l'anno scorso. Mi piace la sua aria da cantautore anni Settanta». Nell'album c'è anche un brano scritto da lei. Cos'è, voglia di diventare cantautrice da grande? «Direi di no. Non sopporto quelle che vogliono diventare autrici a tutti i costi. "Sulla mia pelle" l'ha portato in Sony il mio produttore. Io non ne sapevo nulla. Se scriverò altre canzoni, sarò felice. Ma non è la mia priorità. D'altronde ci sono autori così bravi».

Dai blog