cerca

guardia di finanza

Botti proibiti. Arrestati gli "spacciatori" di fuochi d'artificio illegali

Tre quintali di botti illegali sequestrati a Roma. E spunta il razzo di "Kim 'o coreano"

Capodanno si avvicina e la Guardia di Finanza dichiara guerra ai fuochi d'artificio proibiti. Il Comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, nell’ambito dell’intensificazione dell’attività di controllo economico del territorio in vista dell’approssimarsi delle festività natalizie, ha sequestrato 52mila botti pirotecnici proibiti di fabbricazione artigianale («Cobra» e «Red Thunder»), del peso di 2,5 tonnellate, che avrebbero fruttato sul mercato circa 150mila euro. 

I militari della Compagnia di Giugliano in Campania hanno scoperto ad Orta di Atella (Caserta), con la collaborazione dei finanzieri di Aversa, un deposito gestito da 2 persone del luogo, gravate da numerosi precedenti specifici, che si occupavano anche della commercializzazione dei botti. All’interno del locale, situato in una corte comprendente anche diverse abitazioni, a sua volta ubicato in una zona ad alta densità abitativa, la coppia aveva immagazzinato l’ingente quantitativo di botti illegali, la cui massa attiva era pari a 900 kg, esponendo così gli abitanti della zona ad un costante ed elevatissimo pericolo. Al termine dell’operazione, le Fiamme Gialle di Giugliano hanno arrestato in flagranza di reato i 2 responsabili per detenzione, commercio abusivo e omessa denuncia all’autorità di materiale esplodente e il materiale sequestrato è stato immediatamente distrutto.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro