cerca

L’inchiesta della finanza

Arrestata Lara Comi, l'ex eurodeputata accusata di tangenti

Ai domiciliari dopo l'operazione "Mensa dei poveri" per corruzione e truffa al bilancio dell'Ue

Arrestata Lara Comi, l'ex eurodeputata accusata di tangenti

Lara Comi

Ai domiciliari l'ex parlamentare di Forza Italia, Lara Comi, e l'imprenditore Paolo Orrigoni, titolare della catena di supermercati Tigros ed ex candidato leghista a sindaco di Varese. In carcere Giuseppe Zingale, ex direttore dell'Agenzia per il lavoro Afol. Il terremoto giudiziario scatenato dall'operazione "Mensa dei poveri": i finanzieri del Nucleo Polizia Economico-Finanziaria di Milano e della Compagnia Busto Arsizio hanno eseguito, nella provincia di Varese, un'ordinanza con la quale il gip del Tribunale di Milano ha applicato ad ulteriori 3 persone le misure cautelari personali della custodia in carcere, per una di esse, e degli arresti domiciliari, per le restanti due. L'ex deputata europea è ai domiciliari con il candidato leghista di Varese Orrigoni. È la prima volta per un politico nazionale donna.

Le indagini hanno fatto emergere ulteriori delitti di corruzione, truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche e illecito finanziamento ai partiti e ai politici, realizzato da amministratori locali, imprese e professionisti a vario titolo coinvolti nell'indebito drenaggio di risorse pubbliche di società ed enti a partecipazione pubblica. La parte odierna dell'indagine, relativa a vicende accertate, riguarda: fatti corruttivi tesi a far ottenere a un imprenditore varesino il cambio di destinazione urbanistica di un'importante area, da industriale a commerciale; a professionisti e imprese compiacenti fittizi incarichi di consulenza, conferiti da societa' a partecipazione pubblica, in cambio della successiva retrocessione agli indagati di parte del corrispettivo incassato a fronte dell'incarico stesso;truffa ai danni del bilancio dell'Unione Europea in relazione a fittizi contratti stipulati per mansioni di collaborazione con spese a carico del Parlamento Europeo, al fine di creare surrettizie provviste di denaro a favore degli indagati mediante la retrocessione di una quota parte del corrispettivo liquidato, illeciti finanziamenti erogati da un imprenditore bresciano a un candidato alle elezioni europee del 26 maggio 2019, emissione di fatture false, allo scopo di occultare i predetti reati.

Per il gip di Milano Raffaella Mascarino, che ha applicato tre misure cautelari su presunte tangenti, i reati contestati agli indagati - tra cui truffa ai danni del parlamento europeo e finanziamento illecito - evidenziano "un quadro di grave allarme sociale".  Gli indagati con "spregiudicatezza e disinvoltura" avrebbero agito con l'obiettivo di "beneficiare di favori in ragione della funzione pubblica esercitata o del sistema di relazioni ad essa funzionali, con conseguente sviamento dei poteri pubblici conferiti in favore del soddisfacimento di interessi personali". 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro