cerca

odissea in oriente

Vicesindaco di Sarzana come un clandestino. La Cina lo rimpatria

Vicesindaco di Sarzana trattato da immigrato clandestino. La Cina lo rimpatria

Odissea in Cina per Costantino Eretta. Qualche giorno fa il vicesindaco di Sarzana era partito alla volta della Cina per promuovere i prodotti della sua regione. Una volta giunto a Pechino, però, sono iniziati i guai. L'esponente del Carroccio non aveva più con sé il passaporto (non si sa se smarrito o derubato). Dopo aver denunciato il furto del documento, Eretta è stato forzatamente rimpatriato con la polizia italiana che lo attendeva a Malpensa e dopo essere stato trattenuto nell’area dogana dell’aeroporto di Pechino con le guardie a custodirlo quasi 15 ore. Durante la permanenza a Pechino il vicesindaco di Sarzana denuncia di aver dovuto chiedere il permesso perfino per mangiare, bere e andare in bagno.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro