cerca

bufera festival

Sanremo e Amadeus vittime dei giustizieri da tastiera

Sanremo e Amadeus vittime dei giustizieri da tastiera

Sanremo e Amadeus vittime dei giustizieri da tastiera. Tra sessismo, misoginia e Junior Cally al Festival non si dorme. Dopo la levata di scudi che ha preso di mira il conduttore romagnolo, anche Monica Bellucci ha fatto un passo indietro e al Teatro Ariston non ci sarà. Ufficialmente per cause di "forza maggiore".

E viene da chiedersi: possibile che il cast della 70esima edizione del Festival della canzone italiana venga stilato dai social? Il polverone sollevato sul web per i testi violenti di Junior Cally ha scatenato la guerra ad Amadeus e alle sue scelte. Contro di lui è sceso in campo perfino il presidente della Rai Marcello Foa, costretto a chiedere la testa del rapper romano che non avrebbe mai immaginato tutta questa pubblicità gratis. 

Per approfondire leggi anche:A Sanremo testi choc

Se si andasse avanti così, però, si dovrebbero affrontare anche altri nodi come Marco Masini, Achille Lauro, Pinguini Tattici Nucleari e Miss Keta. E che dire di Gianni Morandi che in "Fatti mandare dalla mamma" cantava: "Tu digli a quel coso/che sono geloso/E se lo rivedo/gli spaccherò il muso". Meno male che nel '63 i social non c'erano. Altrimenti sai che storie...

Una cosa è certa. Non sarà che a Sanremo tutta questa bufera fa comodo? Bene o male purché se ne parli. Secondo gli ultimi sondaggi, due italiani su tre resteranno incollati al teleschermo per cinque sere consecutive. Amadeus il suo Sanremo l’ha già vinto.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro