Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'ultimo profugo si chiama Roger Waters

Carlo Antini
Carlo Antini

Testo e musica le mie coordinate. Nato a Foggia e romano d'adozione. La laurea in Scienze della Comunicazione e la passione per il giornalismo mi portano nella redazione de "Il Tempo". Come critico musicale collaboro con “Container" su Radio Italia Anni '60.

Vai al blog
Il nuovo album di Roger Waters verrà distribuito a partire dal 2 giugno Foto: Il nuovo album di Roger Waters verrà distribuito a partire dal 2 giugno
  • a
  • a
  • a

Sono passati 25 anni da "Amused to death". Anni scanditi da silenzio e sperimentazioni liriche. Tanto ha aspettato Roger Waters. Anima, mente, cuore dei Pink Floyd che furono. Oltre le separazioni e le beghe legali. Adesso torna a farci ascoltare inediti nel suo nuovo album da solista. Si chiede se questa è davvero la vita che vogliamo in "Is this the life we really want?". La data da ricordare è il 2 giugno. Nell'ultimo mese i dodici brani dell'album sono stati anticipati da tre singoli: "Smell the roses", "Deja vu" e dall'ultimo "The last refugee". L'ultimo profugo, appunto. Brani che ripercorrono le armonie e le potenzialità del classicismo rock più genuino. Le linee vocali di Waters sono nette ed efficaci. Aperture di spazi ed echi di sinfonie elettriche esposte nella loro sintesi elementare. Senza narcisismi o inutili compiacimenti. L'odore delle rose lascia spazio all'intima ballata "Deja vu". Cercando di scavare nella verità della musica. Dal passato che torna e si infrange al presente delle onde che lo hanno condotto a riva. Il disco è stato inciso con Nigel Godrich, produttore dei Radiohead, Gus Seyffert (bassista per Norah Jones e frontman dei Willoughby), Jonathan Wilson (cantautore e produttore), Joey Waronker (batterista con Beck e R.E.M.), Roger Manning (Jellyfish, Imperial Drag, The Moog Cookbook e TV Eyes), Lee Pardini (tastierista dei Dawes), Jessica Wolfe e Holly Proctor. "L'ultimo profugo" è sbarcato da solo, a bordo di un relitto. L'imbarcazione del rock si infrange sulle coste frastagliate della musica liquida. Oltre le emergenze. Oltre la cronaca e la critica sociale. Su quella stessa barca Waters va ancora alla deriva. O forse ci va il rock intero. Nel sogno sono sbarcati a riva. Con l'intima speranza di essere ritrovati. Forse salvati. Dallo stesso destino che Waters insegue da sempre. Questa volta solo qualche metro più in là. VOTO: 4/5

Dai blog